Skip to content

Definizione di capitale di funzionamento aziendale

Il capitale di funzionamento rappresenta le fonti di finanziamento, ovvero i flussi che raggiungono l’azienda per alimentare la propria attività, e sono dati dal capitale proprio e dal capitale di finanziamento. Le passività possono anche essere chiamate capitale di terzi o capitale di finanziamento

Il capitale di funzionamento è quindi il sistema di valori positivi o negativi che esprimono il valore delle condizioni patrimoniali di un’azienda.
Il capitale di funzionamento è il capitale proprio misurato in sede di un sistema contabile con il fine della determinazione del reddito.

Nel capitale di funzionamento non vengono valorizzati due fenomeni che caratterizzano l’impresa, perché ci sono regole giuridiche che indicano che non si possono mettere in contabilità beni che non hanno avuto scambi con terze economie:
- lavoro
- elementi patrimoniali immateriali

Il RISULTATO REDDITUALE è dato dalla differenza tra:

- CAPITALE NETTO FINALE – CAPITALE NETTO INIZIALE
- COMPONENTI POSITIVI – COMPONENTI NEGATIVI
Tratto da ECONOMIA AZIENDALE, UN'INTRODUZIONE di Valentina Minerva
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Economia aziendale

Brevi appunti relativi alla materia di economia aziendale. Si danno cenni e definizioni sull'impresa e la sua gestione, sui rischi, i profitti e le perdite. Descritta la curva di Break Even.