Skip to content

Configurazione a costo diretto o a costo variabile

La prima metodologia che viene analizzata è la metodologia DIRECT COSTING, l’obbiettivo di tale metodologia è la configurazione di costo in cui sono imputati al prodotto solo gli elementi di costo classificati come diretti o variabili. Tutte le altre componenti non vengono considerate. I costi diretti possono essere ad esempio costi di produzione o costi commerciali, come le provvigioni. Ci sono due tipi di direct costing:
- DIRECT COSTING SEMPLICE : si basa sulla netta distinzione tra elementi di costo variabili ed elementi di costo fissi e sulla conseguente imputazione all’o.f.c. dei soli costi variabili.
- DIRECT COSTING EVOLUTO : mantiene la distinzione tra costi fissi e variabili, ma evidenzia (imputa) anche i costi fissi specificatamente attribuibili all’o.f.c. (costi fissi specifici).





 I costi indiretti (fissi) vengono tenuti come valore totale




Nel modello direct costing il costo unitario di prodotto è sempre il costo variabile.
Per calcolare il RO si considerano anche i CF specifici nel loro ammontare complessivo.
di Valentina Minerva
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.