Skip to content

Il potere disciplinare del datore di lavoro

L’imprenditore esprime la propria autorità gerarchica non solo tramite il potere direttivo, di cui abbiamo già parlato, ma anche tramite il potere disciplinare, nei casi in cui egli debba reagire all’inottemperanza ai doveri contrattuali del prestatore, manifestatisi tramite l’inosservanza degli obblighi di diligenza, obbedienza e fedeltà. L’imprenditore in tal caso, tenendo conto della gravità dell’infrazione, può infliggere sanzioni quali il rimprovero verbale oppure scritto, la multa, la sospensione dal lavoro e della retribuzione e nel peggiore dei casi il licenziamento.
Tratto da DIRITTO DEL LAVORO di Alessandra Infante
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.