Skip to content

Definizione di visitatore domestico


Viene definito come chiunque risieda in un Paese, indipendentemente dalla propria nazionalità, e che visiti un luogo nel Paese stesso per un periodo di tempo non superiore ai 6 mesi e per qualsiasi motivo eccetto l’esercizio di un’attività remunerata nella località visitata, includendo quindi il turista domestico e l’escursionista domestico. Quest’ultima categoria è difficile da definire a causa delle differenti caratteristiche geografiche e di densità popolativa dei vari Paesi: ogni Paese ha sviluppato un proprio sistema di misurazione dello spazio. In particolare i criteri sono: per quanto riguarda la distanza nel viaggio di sola andata (< 20 km; 20 km < x < 30 km; 30 km < x < 50 km; 50 km < x < 100 k; 100 km < x < 150 km; > 150 km) e per quanto riguarda la durata (< 2h; 2 h < x < 3 h; 3 h < x < 4 h; 4 h < x < 6 h; 6 h < x < 8 h; 8 h < x < 12h; 12 h < x < 24 h).
Importanti e tenuti in considerazione anche i vacanzieri, che effettuano turismo di vacanza, quello che comporta almeno 4 giorni e 4 notti consecutive di permanenza al di fuori del proprio luogo di residenza, e turismo di breve vacanza, quello la cui durata è inferiore al limite suddetto, ma comunque sempre superiore a una notte.

Tratto da ANALISI E DIMENSIONE ECONOMICA DEL TURISMO di Elisabetta Pintus
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro