Skip to content

Testo unico delle imposte sui redditi: DPR 22 DICEMBRE 1986, N.917 - titolo II - CAPO II - Sezione I - Art. 89

ART.89 – DIVIDENDI ED INCASSI
Il 1 comma, dice i redditi derivanti da società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice sono tassati per trasparenza e imputati ai soggetti dell’art.73 lettera a.
Il 2 comma, dice che i dividendi distribuiti da società non considerate residenti in paradisi fiscali, concorrono alla formazione del reddito esclusivamente nella misura del 5%, in quanto il 95% viene considerato escluso dalla formazione del reddito.
I dividendi non concorrono per il 95% perché sono esclusi, mentre le plusvalenze non concorrono per il 95% perché sono esenti.
Mentre i dividendi per soggetti residenti in paradisi fiscali concorrono per intero alla formazione del reddito.
Per i dividendi non sono richiesti requisiti di possesso (tempo o quote). I dividendi percepiti sono tassati per il principio di cassa, non detta altri requisiti.
Tratto da PIANIFICAZIONE FISCALE D’IMPRESA di Valentina Minerva
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Economia Aziendale, un'introduzione

Appunti del corso di Economia Aziendale. Consentono una familiarizzazione con i principali temi e argomenti della materia, approfondendo tutto ciò che riguarda gli aspetti economici dell'azienda. Corredati di numerosi esempi.