Skip to content

Dimmi cio' che mangi e ti diro' chi sei: il contributo della sociologia all'analisi del cibo e del consumo alimentare


Produrre e consumare cibo sono fatti intrinsecamente sociali. Per l'uomo, infatti, mangiare non equivale semplicemente a sfamarsi, ma racchiude una serie complessa di dimensioni socio-culturali nelle quali, attorno al cibo, si costruiscono narrazioni, riti, tradizioni, regole, comunicazioni, legami.
Mangiare e insieme cucinare divengono possibilità metaforica di comunicare; capacità contributiva di comprendere che il cibo sta al posto di qualcosa o di qualcun altro; concorso alla costruzione di segni sociali.
La scienza sociale, nel suo farsi spendibile, può tentare di indagare alcuni di quei "luoghi" dove oggi si fa resistenza attiva alla standardizzazione alimentare, per proporre modalità, strumenti, "regole", che qualifichino una grande cucina, come modello innovativo di organizzazione e come mezzo per la costruzione di una cultura ricca di significato del cibo.
Tratto da LA SPENDIBILITÀ DEL SAPERE SOCIOLOGICO di Angela Tiano
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro