Skip to content

Lo stress lavorativo


Anni 40: distinzione tra fatica soggettiva (situazione in cui il soggetto esprime il suo disagio lavorativo attraverso una caduta di efficienza senza individuare criteri oggettivi di fatica) e oggettiva (x es. ambiente fisico, tecnologie usate..)
Considerare i caratteri psicologici: monotonia lavoro, senso di appartenenza o alienazione…
Gli agenti stressanti sono tali in quanto si collocano nell’interfaccia individuo/ambiente.
Modello di Cooper/Marshall (1978), analisi fonti di stress:
•    fonti intrinseche al job: fattori fisici/ambientali che possono incidere negativamente sul rendimento, efficienza e concentrazione
•    ruolo dell’organizzazione: ambiguità di ruolo (mancanza di chiarezza nel compito) e conflitto di ruolo (richieste incompatibili)
•    sviluppo di carriera: ambizioni deluse, competitività
•    relazioni di lavoro: incongruenza della posizione (ruolo non desiderato), densità sociale (spazio di vita insufficiente), personalità abrasiva (colleghi freddi e insensibili), stile leadership
•    struttura e clima organizzativo

occorre non separare il livello biologico, intrapsichico e ambientale; tra individuo/ambiente esiste uan relazione circolare da cui scaturiscono diversi stati di equilibrio e squilibrio. La valutazione della minaccia è determinata sia da fattori propri del soggetto (pensieri, atteggiamenti..) che ambientali. La reazione è importante perché ha ripercussioni sulle abilità future.





Tratto da STRESS E BURNOUT di Antonella Bastone
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro