Skip to content

Occupazione e salari nell'equilibrio keynesiano

I neoclassici sostenevano che X= f(N) cioè il reddito X è funzione dell'occupazione N.I keynesiani invece ritennero che il reddito è portato in equilibrio dalla domanda globale e  dall'offerta globale. Keynes ritenne che determinato il reddito X è determinata anche l'occupazione, perchè per produrre un certo reddito X, occorre un determinato livello di occupazione.
Supponiamo di partire da X= f(N).
Supponiamo che Keynes accetti che PMG moltiplicato per p sia uguale a W, ossia che l'occupazione in ogni singola impresa e nell'economia, sia spinta fino al punto in cui la PMG (Produttività marginale del lavoro) sia uguale al salario e che il salario di cui si parla è quello monetario, determinato dai sindacati e  dalle associazioni padronali.

X e W sono dati, ossia X determina N e la PMG; l'incognita è p, quindi vi sarà un solo valore di p che risolva PMG x p=W. Se N aumenta e p aumenta, se W è dato, PMG diminuisce al crescere di N, quindi l'equazione è valida solo se p cresce al diminuire della PMG. Ma al crescere di p e di N il salario reale diminuisce, quindi quale sarà l'equilibrio del mercato del lavoro?

di Vera Albanese
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.