Skip to content

Introduzione al diritto del lavoro e concorrenza nel welfare italiano:

Questi ottimi appunti trattano i volumi di "Diritto del Lavoro" di Ghera e di "Solidarietà, mercato e concorrenza nel welfare italiano" di Sciarra. Si parte da un'evoluzione storica del diritto del lavoro, si passa poi ad approfondire la disciplina sul lavoro subordinato e in generale sulle varie forme di prestazione di lavoro. Si approfondiscono i temi della retribuzione, del lavoro delle donne e dei minori, l'estinzione del rapporto di lavoro, i rapporti speciali di lavoro, la tutela del lavoratore nel mercato del lavoro. Si passa poi ai temi legati alla solidarietà e alla concorrenza nel Welfare italiano: monopoli previdenziali, diritto comune antitrust, politiche sociali e divieti di aiuto allo Stato, libera prestazione, servizi sociali e politiche di accesso alla cura.

Indice dei contenuti:

1. Le fonti del diritto del lavoro in generale: la interrelazione tra legge e contrattazione collettiva 2. Storia del diritto del lavoro: la prima legislazione sociale 3. Storia del diritto del lavoro: incorporazione nel diritto privato e codificazione del 1942 4. Storia del diritto del lavoro: la fase di costituzionalizzazione 5. Storia del diritto del lavoro: i principi costituzionali e la legislazione speciale 6. Storia del diritto del lavoro: la crisi e la legislazione contrattata 7. Diritto del lavoro: la riforma del Titolo V della Costituzione 8. La crisi del modello concertativo e le politiche neo-liberiste di flessibilizzazione del mercato del lavoro 9. L’evoluzione delle politiche sociali comunitarie 10. La Corte costituzionale e il suo contributo allo sviluppo del lavoro 11. La collocazione del rapporto di lavoro nel Libro V del codice civile dedicato all’impresa 12. Il codice civile del 1865: la “locazione delle opere” 13. Il rischio dell’utilità del lavoro e quello dell’impossibilità del lavoro 14. La distinzione tra attività e risultato del lavoro e l’emersione della subordinazione contrattuale 15. La subordinazione: sottoposizione del lavoratore al datore di lavoro 16. La legge sull’impiego privato del 1924 e il codice civile del 1942 17. La distinzione tra il contratto di lavoro subordinato ed il contratto di lavoro autonomo (artt. 2094 e 2222 c.c.) 18. I contratti di lavoro autonomo: il contratto d’opera 19. La causa del contratto: la collaborazione e la sua relazione d scambio con la retribuzione 20. La continuità o disponibilità nel tempo della prestazione di lavoro 21. Collaborazione e subordinazione nella giurisprudenza 22. La tesi della subordinazione come situazione di soggezione socio-economica: critica 23. La nozione di parasubordinazione 24. L’utilità e l’attuale significato della distinzione tra lavoro subordinato e lavoro autonomo 25. Il rapporto di previdenza sociale: il sistema previdenziale 26. Le pensioni di anzianità e vecchiaia 27. Il lavoro gratuito ed il volontariato 28. Il lavoro familiare e l’impresa familiare prevista dall’art. 230 bis c.c. 29. La nozione di prestazione di lavoro nei contratti di società, associazione in partecipazione e amministratori di società 30. Le cooperative di produzione e lavoro: il socio lavoratore 31. La disciplina del contratto e del rapporto di lavoro 32. La fonte contrattuale del rapporto di lavoro 33. L’inderogabilità del regolamento contrattuale imposto dalla legge 34. Autonomia privata e tipo contrattuale 35. Il principio del favor 36. L’art. 2126 c.c. e la c.d. inefficacia dell’invalidità del contratto 37. La capacità del prestatore di lavoro 38. La c.d. spersonalizzazione dell’imprenditore ed il principio della continuità dell’impresa 39. Il procedimento di formazione del contratto 40. Il patto di prova all'assunzione 41. I vizi della volontà nella conclusione del contratto di lavoro 42. Il divieto di indagine su fatti non rilevanti ai fini dell’attitudine professionale 43. Il trattamento dei dati personali 44. La simulazione nel contratto di lavoro 45. Il contenuto della subordinazione del lavoratore 46. La diligenza del prestatore di lavoro 47. L’obbedienza e il potere direttivo del datore di lavoro 48. L’obbligo di fedeltà del prestatore di lavoro 49. Il potere disciplinare del datore di lavoro 50. I limiti sostanziali e procedurali al potere disciplinare 51. I controlli finalizzati alla salvaguardia del patrimonio aziendale 52. I controlli sull’attività lavorativa 53. Gli accertamenti sanitari per il lavoratore 54. La procedimentalizzazione dei poteri del datore di lavoro 55. Le mansioni e la qualifica nella prestazione di lavoro 56. La differenziazione retributiva in relazione alle mansioni 57. Le categorie contrattuali del prestatore di lavoro 58. Le categorie legali della classificazione dei lavoratori 59. La distinzione tra operai ed impiegati 60. L’inquadramento contrattuale del prestatore di lavoro 61. I dirigenti d'azienda 62. La disciplina del mutamento di mansioni del lavoratore 63. I quadri intermedi 64. Eccezioni per la mobilità verso il basso delle mansioni del lavoratore 65. La mobilità orizzontale del lavoratore 66. La mobilità verso l’alto del lavoratore 67. La disciplina del trasferimento del lavoratore 68. L’inserimento del prestatore nell’ambiente di lavoro 69. Il danno biologico e il mobbing: l’art. 2087 c.c. e l’art. 9 St. lav. 70. La tutela della salute nel d.lgs. 626/94 71. I divieti di discriminazione del lavoratore 72. L’orario di lavoro e la determinazione della prestazione 73. La disciplina legale dell’orario di lavoro 74. La disciplina dello straordinario 75. Flessibilità all'orario di lavoro 76. La disciplina del lavoro notturno 77. Le pause giornaliere, il riposo settimanale, le festività infrasettimanali, le ferie annuali 78. L’obbligazione retributiva: la busta paga 79. L’orario di lavoro come criterio di commisurazione della retribuzione 80. Retribuzione minima, contratti collettivi e art. 36 cost. 81. L’applicazione giurisprudenziale dell’art. 36 cost. 82. Gli strumenti tecnici utilizzati dalla giurisprudenza 83. I sistemi di retribuzione: a tempo e a cottimo 84. Le caratteristiche della retribuzione a tempo 85. Gli elementi accessori della retribuzione e la sua struttura complessa 86. Le caratteristiche della retribuzione a cottimo 87. La nozione giuridica di retribuzione 88. La nozione di reddito da lavoro dipendente a fini contributivi 89. Contratto di lavoro e rimedi sinallagmatici 90. La sospensione del rapporto di lavoro 91. Sospensione della prestazione di lavoro: malattia, infortunio, gravidanza e puerperio 92. Sospensione della prestazione di lavoro: incarichi pubblici 93. L’oggettiva impossibilità temporanea della prestazione di lavoro 94. La mora credendi del datore di lavoro 95. Sinallagma genetico e sinallagma funzionale 96. Donne e dei minori: la tutela differenziata ed il principio costituzionale di parità di trattamento 97. La tutela del lavoro minorile 98. La tutela paritaria della donna nel mondo del lavoro: la legge 903/77 99. La tutela differenziata delle donne: le lavoratrici madri 100. La disciplina paritaria dei congedi parentali 101. Permessi retribuiti per i figli 102. Le azioni positive e le pari opportunità tra i sessi nel lavoro 103. Parità tra i sessi e speciali occasioni di tutela delle donne 104. Il rafforzamento della tutela antidiscriminatoria 105. Estinzione del rapporto di lavoro: impossibilità sopravvenuta della prestazione 106. La risoluzione giudiziale per inadempimento del rapporto di lavoro 107. Il recesso nel rapporto di lavoro: i reali interessi in gioco 108. Il recesso ad nutum e l’obbligo del preavviso 109. Il recesso dal rapporto di lavoro per giusta causa 110. La disciplina limitativa dei licenziamenti e la sua progressiva estinzione 111. Il licenziamento ad nutum: da regola a eccezione 112. Le ipotesi di limitazione temporale del licenziamento: infortunio, malattia, gravidanza e puerperio, funzioni pubbliche elettive 113. I limiti sostanziali al potere di licenziare:il principio della giustificazione e la regola del c.d. recesso vincolato 114. La nozione di giustificato motivo soggettivo e oggettivo 115. La nozione di giusta causa 116. Le ipotesi di nullità del licenziamento 117. La forma del negozio di licenziamento 118. L’impugnazione del licenziamento e il termine di decadenza: l'onere della prova 119. L’art. 18 St. lav. e la tutela reale del posto di lavoro 120. L’incoercibilità dell’obbligo di reintegrazione: la prosecuzione del vinculum iuris 121. Reintegrazione nel posto di lavoro: i dirigenti di rappresentanze sindacali aziendali 122. La tutela reale obbligatoria e l’alternativa tra riassunzione e pagamento di una penale 123. Il licenziamento disciplinare e l’applicabilità dell’art. 7 St. lav. 124. La tutela del lavoratore nelle altre ipotesi di invalidità del licenziamento 125. Le c.d. organizzazioni di tendenza 126. Il tentativo obbligatorio di conciliazione 127. Dall’indennità di anzianità al trattamento di fine rapporto 128. La maturazione del diritto al t.f.r. 129. Base di calcolo, frazionabilità intro-annuale e indicizzazione del t.f.r. 130. Il diritto all’anticipazione del t.f.r. 131. L’indennità per causa di morte 132. Le forme volontarie e complementari di previdenza 133. La nozione di rapporti speciali di lavoro 134. Il rapporto di lavoro dei marittimi e della gente dell’aria 135. Le origini storiche del pubblico impiego 136. Le due fasi della riforma del pubblico impiego e la contrattualizzazione del rapporto 137. Sistema delle fonti di disciplina dei rapporti di lavoro e relazioni sindacali 138. Riforma: qualifica dirigenziale e relative responsabilità 139. Il rapporto di lavoro: disciplinato da disposizioni civilistiche e dai contratti collettivi 140. Disciplina delle controversie relative al rapporto di lavoro pubblico 141. Contrattualizzazione del lavoro pubblico ed interessi generali 142. Datore e prestatore di lavoro nei rapporti speciali 143. Il lavoro subordinato a domicilio: definizione e caratteristiche 144. La disciplina del lavoro subordinato a domicilio 145. Il rapporto di lavoro domestico 146. Il rapporto di lavoro sportivo 147. Le origini del contratto di apprendistato 148. Le tre specie di contratto di apprendistato 149. Il profilo causale del nuovo apprendistato 150. La disciplina del contratto e del rapporto di lavoro nelle tre specie di apprendistato 151. La formazione professionale nelle tre forme di apprendistato 152. Il contratto di inserimento 153. La disciplina del contratto di inserimento e del relativo rapporto di lavoro 154. La disciplina del contratto di formazione e lavoro (c.f.l.) 155. La tutela del lavoratore nel mercato del lavoro: il diritto al lavoro 156. Le origini dell’istituto del collocamento 157. Dal controllo pubblico sull’incontro tra domanda e offerta di lavoro alle politiche attive per l’occupazione 158. La riforma del mercato del lavoro operata con il decentramento amministrativo 159. Tutela e sicurezza del lavoro: riforma costituzionale e decentramento regionale 160. La disciplina dei servizi per l’impiego. Le politiche sociali comunitarie 161. Enti per la gestione del mercato del lavoro 162. Funzioni di enti pubblici per favorire la ricerca dell'impiego 163. I collocamenti nel mercato dell'agricoltura 164. Dal collocamento obbligatorio al collocamento mirato dei disabili 165. L’inserimento al lavoro dei disabili 166. La tutela del disabile nel rapporto di lavoro 167. L’alternanza scuola-lavoro nella formazione professionale 168. L’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: gli stages in azienda 169. Dalla legislazione anti-fraudolenta alla flessibilità controllata 170. L’evoluzione della disciplina legislativa a partire dal codice civile 171. La direttiva europea sul rapporto di lavoro a tempo determinato e la nuova disciplina introdotta dal d.lgs. 368/2001 172. Diversità, esclusioni, discipline speciali per l'apposizione del termine nei contratti di lavoro 173. La proroga del termine e la successione di più assunzioni a tempo determinato 174. La disciplina del rapporto di lavoro a tempo determinato 175. Limitazioni quantitative all’apposizione del termine, esenzioni e il diritto di precedenza 176. Il decentramento produttivo e le esternalizzazioni 177. Il divieto di intermediazione ed interposizione nel rapporto di lavoro: il lavoro temporaneo 178. La somministrazione di lavoro: le ipotesi di ricorso alla somministrazione 179. La disciplina del contratto di somministrazione 180. La disciplina del contratto e del rapporto di lavoro dei prestatori destinati alla somministrazione 181. L’apparato sanzionatorio nei contratti di lavoro 182. La disciplina degli appalti 183. Il comando o distacco. Le società collegate 184. Il distacco dei lavoratori nel quadro di una prestazione di servizi transnazionale 185. Le modifiche introdotte dal d.lgs. 276/2003 186. La disciplina del rapporto di lavoro a tempo parziale 187. La normativa incentivante e l’apparato sanzionatorio 188. La disciplina del tempo di lavoro; clausole elastiche, lavoro supplementare e straordinario 189. La specialità del rapporto di lavoro a tempo parziale ed il ruolo della contrattazione collettiva 190. La disciplina del lavoro intermittente 191. La disciplina del lavoro ripartito 192. Il lavoro a progetto e il lavoro occasionale: collaborazione coordinata e continuativa 193. Il progetto sotteso alla collaborazione coordinata e continuativa 194. Disciplina del rapporto lavorativo a progetto 195. Solidarietà e libera circolazione dei servizi: alcune linee interpretative 196. Il distacco dei lavoratori nella libera prestazione di servizi 197. Le Conclusioni degli Avvocati generali in “Viking” e “Laval” 198. La regolamentazione dei servizi e la disciplina del distacco dei lavoratori per prestazioni di servizi transfrontalieri 199. Le funzioni originarie del diritto sociale “anticoncorrenziale” e le tensioni successive 200. Regolazione monopolistica dei regimi previdenziali e libera concorrenza: inquadramento delle questioni 201. Le discipline previdenziali europee e il diritto “antitrust” al vaglio della Corte di Giustizia 202. Il capostipite (sentenza Poucet et Pistre): perseguimento dei fini di solidarietà ed esclusione dall’attività 203. L’orientamento “di mezzo”: esito positivo del test di imprenditorialità e applicabilità della deroga ex art. 86 par. 2 Trattato CE 204. Il ritorno all’indirizzo solidaristico : profili di “compatibilità” fra finalità di tutela sociale e aspetti di concorrenzialità 205. La sentenza AOK Bundesverband e il caso Fenin 206. Il diritto alla concorrenza: il caso Inail 207. Individuazione del soggetto impresa dalle autorità di concorrenza 208. Politiche sociali e divieto di aiuti di Stato 209. Solidarietà e concorrenza nello Stato 210. Disciplina degli aiuti di Stato tra solidarietà e concorrenza 211. La definizione di “aiuto di Stato” 212. Intervento dello Stato e fondi statali nella gestione delle imprese e dei lavoratori 213. Intervento dello Stato: il caso Kirsammer-Hack 214. L'aiuto statale alle imprese: l’esistenza di un “vantaggio” 215. Aiuto statale: la sentenza Altmark 216. Aiuti di Stato e integrazione tra sistemi di welfare 217. Trasformazione del Welfare e aiuti di Stato 218. Il caso dell’accesso cross-border alle prestazioni di cura 219. L’accesso alle prestazioni sanitarie all’estero ai sensi del regolamento 1408/71 220. L’accesso alle prestazioni sanitarie all’estero ai sensi dell’art. 49 Trattato CE: la sentenza “Kohll” 221. L’accesso ai servizi medici ospedalieri 222. Lo strabismo mercantile della Corte di Giustizia 223. Servizi sanitari nazionali e regole del mercato interno 224. Il rapporto tra l’art. 22 reg. 1408/71 e l’art. 49 Trattato CE ed il rimborso delle spese “accessorie” 225. La risposta politica all’attivismo della Corte di Giustizia

 

Dettagli dei contenuti:

  • Autore: Stefano Civitelli
    [Visita la sua tesi: "Danni da mobbing e tutela della persona"]
  • Università: Università degli Studi di Firenze
  • Facoltà: Giurisprudenza
  • Esame: Diritto del lavoro, a.a. 2007/2008
  • Titolo del libro: "Diritto del Lavoro" di E. Ghera, "Solidarietà, mercato e concorrenza nel welfare italiano" di S. Sciarra

Per approfondire questo argomento:

Altri appunti correlati:

Valuta questo appunto:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.