Skip to content

Funzione delle tabelle dei sistemi dei tassi d’interesse

In queste tabelle sono rappresentate tutte le voci dell’attivo e del passivo dello stato patrimoniale. La tabella indica come i flussi sono influenzabili dai tassi esogeni esterni di mercato.
Inoltre evidenzia come alcuni flussi si riferiscano a situazione di price taker e come altri invece si riferiscano a situazioni di price maker.
Le caratteristiche della formazione dei singoli flussi permettono di capire a quale tipologia di clienti si sta facendo riferimento.

PASSIVO
DEPOSITI A RISPARMIO LIBERI : il soggetto che ha dei risparmi li colloca in banca. Questa è una forma di approccio con la banca molto semplice, quindi possiamo classificare questa tipologia di risparmiatore come risparmiatori con un alto grado di avversione al rischio, ovvero che non sanno come muoversi sul mercato.
Questa situazione implica un grosso potere da parte della banca nel fissare le condizioni. Anche se in realtà non è così, perché sul mercato ci sono altre istituzioni, come lo stato, che sono in grado di garantire lo stesso grado di solvibilità, di conseguenza i risparmiatori potrebbero rivolgersi a questi soggetti. Per questo le condizioni della banca non possono essere libere, ma devono tenere conto dei concorrenti presenti sul mercato, istituzionalmente riconosciuti e con un pari livello di affidabilità.
Quando si analizzano le voci di questa tabella bisogna tenere conto di come si caratterizzano i flussi, e quali sono i concorrenti sul mercato di questi flussi.
Dalle voci del passivo si può notare che il grado di discrezionalità della banca, di proporre le proprie condizioni è quasi nullo.
Ad eccezione dei conti corrente sui quali la banca può inventare una serie infinita di servizi. Quanto più l’offerta è interessante per il cliente, tanto più il tasso attribuito su questo flusso è influenzato da una componente che dipende da una logica di somma dei costi-opportunità.
Questa logica consente di stabilire un rapporto di fidelizzazione con il cliente.
In America accade che la forza dei costi opportunità è tale che il tasso puro sul conto corrente è pari a zero.

ATTIVO
L’attivo riguarda principalmente l’attività creditizia. La banca si trova in una situazione di price making, che si fonda su un rapporto bilaterale tra banca e cliente. Questo anche perché queste forme sono talmente svariate che non è possibile individuare un carattere standard per questi servizi.
Tratto da ECONOMIA DELLE AZIENDE DI CREDITO di Valentina Minerva
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Diritto del mercato finanziario e degli strumenti derivati

Appunti di diritto del mercato finanziario e degli strumenti derivati, anno accademio 2010-2011, docente: Sandro Amorosino;