Skip to content

Usare le risorse della comunità al nido


Le visite e le uscite
Il successo delle uscite dipende dalla loro buona organizzazione e preparazione. Il gruppo deve essere composto da pochi bambini con un numero sufficiente di adulti per essere sicuri di poterli seguire - almeno uno per ogni due bambini, che significa, probabilmente, coinvolgere genitori, volontari o studenti.
È importante che tutti gli adulti coinvolti siano d’accordo sullo scopo dell’uscita, che deve essere divertente e che deve dare ai bambini le occasioni per imparare.
Quando un’educatrice programma un’uscita, una buona abitudine è quella di fare un sopralluogo e parlarne poi con le persone esterne al nido che pensa di coinvolgere. Le visite alla biblioteca dei bambini possono cominciare molto presto nella vita di un bambino; è molto utile per rafforzare, ogni volta che è possibile, quell’interesse e quel piacere per i libri già creato al nido.
Il nuoto
Un’altra possibilità che vale la pena considerare, sebbene richieda uno sforzo organizzativo, è il nuoto. I bambini imparano a nuotare sin dai primi mesi di vita e ne traggono un gran piacere. Un inconveniente è che le piscine hanno spesso l’acqua troppo fredda per i bambini piccoli, ma quando ci sono piscine per principianti, talvolta è possibile concordare con i responsabili di avere acqua più calda per delle giornate particolari. Un altro inconveniente è che ogni bambino ha bisogno di essere seguito da un adulto, ed è difficile disporre di tante persone se i genitori lavorano.
Tratto da BAMBINI DA ZERO A TRE ANNI di Anna Bosetti
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.