Skip to content

Critica al pensiero di Epicuro nel "De finibus"



1) Ieronimo di Rodi = Il termine estremo è l'assenza di dolore (sommo bene = non provar dolore)
2) Aristippo = Piacere = sommo bene (ma non lo è il non provar dolore) --- si riferisce al piacere che impressiona i sensi con dolcezza
3) Callifonte = Collega il piacere (Epicuro) all'onestà (stoici)
4) Aristotele = Congiunge la pratica della virtù alla prosperità di una vita perfetta
5) Diodoro = Aggiunge all'onestà l'assenza di dolore.
6) Carneade = fruizione dei principi naturali
Epicuro è come se congiungesse 1) e 2). Egli, come gli ultimi 3, se avesse congiunto 1) e 2) avrebbe meglio capito.  Ma nè Aristippo nè Ieronimo fan l'errore di Epicuro. In realtà piacere e non dolore sono 2 cose distinte. Epicuro non solo cerca di dare un solo nome a cose tanto diverse, ma anche di 2 farne una sola. E ciò non si può. Se le approva avrebbe dovuto servirsi di entrambe. Poi Cicerone cita e critica un passaggio delle kyriai doxai di Epicuro (massime capitali) in cui si dice che se ciò che per i dissoluti è fonte di piacere li liberasse dai timori, non avremmo nulla da criticare.  Cicerone sostiene che è un assurdità dire che non bisogna criticare i dissoluti se sono sapienti. E che non capisce come un dissoluto possa avere desideri limitati.  Poi Cicerone cerca di introdurre l'idea che il piacere non è il sommo bene. Dice che gli elegantoni e i raffinati, che si circondano di cose senza le quali Epicuro dice di non sapere cosa sia il bene, sicuramente non vivono bene o felici. I due passaggi successivi di Cicerone sono dimostrare che il piacere non è il sommo bene e separare il piacere dal bene. Cicerone ci ricorda di Lelio, chiamato sapiente per il suo atteggiamento. Dice infatti, citando versi in cui si parla di Publio Gallonio (versi di Lelio): non cena bene chi fa consistere tutto nel piacere... ma non è detto che non abbia cenato mai volentieri. Quindi, chi cena bene cena sempre volentieri, ma non sempre viceversa. Qui si cominciano a separare piacere e bene. Lelio cenò sempre bene e volentieri, perchè cenava in modo retto, frugale e onorato, per soddisfare con animo sereno i desideri naturali e accompagnarsi con una buona conversazione. Mentre Gallonio cenava in modo dissoluto. Il vantaggio di Lelio è che trascurava la gustosità in sè, perchè non faceva consistere nel piacere il sommo bene.

Tratto da "DE FINIBUS" DI CICERONE di Dario Gemini
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro