Skip to content

Stato intermedio tra piacere e dolore



Con il suo discorso Cicerone vuole dimostrare che c'è uno stato intermedio che riguarda chi non si allieta nè soffre, chi è fuori da entrambe. Quindi risponde a T che proprio lui non può non capire Epicuro visto che conosce bene il greco, semmai è Epicuro che parla in modo da non essere capito. Si può verificare (dice Cicerone) in 2 modi che epicuro parla in modo da non esser capito:
- O si è oscuri e tenebrosi alla maniera di Eraclito (argomento oscuro / naturalisti)
- O l'oscurità del soggetto, come nel Timeo di Platone, rende incomprensibile il discorso (argomento complicato / matematici)
Ma non credo che Epicuro avesse bisogno di ciò. Infatti egli tratta di un soggetto facile e manifesto, di conoscenza comune. Alla fine lui parla del piacere alla sua maniera trascurando quella che intende Cicerone. Perchè dice "piacere" invece di "assenza di dolore"? Secondo Cicerone è chiaro (anche ai sensi) che ci sono 3 stati: provar piacere, dolore, e nessuno dei due.

Tratto da "DE FINIBUS" DI CICERONE di Dario Gemini
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro