Skip to content

Definizione di epidemiologia


Inizio del 21° secolo: epidemiologia può essere considerata una disciplina autonoma: disciplina che si occupa dello studio delle malattie e fenomeni ad esse correlati attraverso l’osservazione della distribuzione e andamento delle patologie nella popolazione, individuazione dei fattori di rischio che ne possono condizionare l’insorgenza più  programmazione degli interventi preventivi e curativi idonei attraverso un’adeguata offerta sanitaria.

È partita da un approccio legato prevalentemente allo studio delle malattie infettive, poi cronico-degenerative e altri eventi sanitarie (incidenti stradali, domestici…)
Ambiti di applicazione dell’epidemiologia:
- Studio dei fenomeni epidemici
- Ricostruzione della storia naturale della malattia
- Identificazione dei fattori di rischio e protettivi
- Valutazione degli interventi sanitari preventivi, diagnostici, terapeutici
- Definizione priorità in sanità pubblica
- Determinazione parametri per  valutazione di efficacia, qualità dei servizi sanitari
- Valutazione tecniche per  soluzione dei problemi legali

Altri ambiti: epidemiologia ospedaliera (igiene nelle strutture di ricovero e cura) dei servizi sociosanitari. L’epidemiologia concorre a far raggiungere alle popolazioni condizioni di salute ottimale (OMS = stato di completo benessere).
È una disciplina fondamentale non solo per  sorveglianza delle malattie e fattori di rischio, anche per  programmazione sanitaria e gestione dei servizi.
Tratto da ELEMENTI DI METODOLOGIA EPIDEMIOLOGICA di Antonella Bastone
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: