Skip to content

I gesti e i movimenti del corpo nella seduzione


I gesti sono azioni motorie coordinate e circoscritte che costituiscono un messaggio per l’interlocutore al fine di raggiungere un determinato scopo. Vi sono i gesti illustratori che accompagnano abitualmente l’azione del parlare e servono ad accentuare, attenuare o variare il significato di quanto si dice con le parole. Vi sono i gesti pantomimici quando si rappresentano e si imitano situazioni o personaggi. Vi sono i gesti simbolici che sono movimenti fortemente convenzionalizzati e codificati all’interno di una certa cultura di riferimento, come il segnale di OK. Vi sono i gesti deittici che servono per indicare un oggetto, una direzione o un evento a distanza. Vi sono i gesti motori che consistono in movimenti semplici ripetuti in successione e in modo ritmico. Vi sono, infine, i gesti di autocontatto in cui la persona tocca in modo insistente e ripetuto una parte del proprio corpo (come giocare con i capelli) in condizioni di ansia, di tensione fisica o psichica.
Nella seduzione sono fondamentali i gesti che comunicano avvicinamento, affiliazione e condiscendenza. Essi prevedono una flessione e una inclinazione degli arti e del corpo leggermente in avanti nella direzione del partner.
Nella nostra cultura, se una donna è attratta da un uomo, tende a sfiorarsi le labbra con la lingua oppure può mordicchiarsi il labbro inferiore, si tocca i capelli, allarga leggermente le gambe o le incrocia, piega la mano esponendo il polso, giocherella con gli anelli o con un bottone della camicetta o con qualche piccolo oggetto, dondola i fianchi. Nel caso siate a tavola, può sfiorare con un dito il lordo del bicchiere. Pure il vestito può essere un’occasione per fare una serie di gesti seduttivi, sistemandosi la gonna o la maglietta o qualche altro capo di abbigliamento per coprirsi di più o per scoprirsi leggermente e così via.
Anche i gesti degli uomini vanno coordinati in modo tenero e dolce durante gli scambi seduttivi. In particolare, i gesti più frequenti di un uomo consistono nel mostrare il palmo aperto delle mani come segnale di innocuità e disponibilità, nel tirare indietro le spalle per sottolineare la loro larghezza e la virilità del petto, nel sistemarsi la cravatta o il colletto della camicia. Quando è in piedi, può divaricare leggermente i piedi. Quando è seduto, appoggia comodamente la schiena alla sedia o alla poltrona: è una posizione di rilassatezza e di disponibilità.
Nel corso della seduzione i gesti e i movimenti del corpo svolgono alcune funzioni essenziali. La prima è il rispecchiamento. Il seduttore tende a imitare e a ripetere i gesti del partner. Entrano qui in azione i cosiddetti «neuroni specchio», distribuiti in diverse aree del cervello.
Tali neuroni ci consentono di capire le intenzioni degli altri guardando le loro azioni e ci mettono anche nella condizione di imitarle.
Grazie alla loro azione il seduttore è in grado di riconoscere e comprendere i sentimenti, gli stati mentali e le intenzioni del partner. Si pongono così fra loro le premesse per costruire un rapporto fondato sull’empatia, sulla partecipazione e sulla condivisione. Il risultato è il raggiungimento di una profonda sintonia fra i partner, in grado di funzionare all’unisono. Tale sintonia è ulteriormente facilitata dal contatto fisico. All’inizio dell’itinerario seduttivo il contatto fisico è, di norma, un contatto leggero, spesso apparentemente casuale, quasi inavvertito, in zone del corpo assolutamente innocue (come le mani o le braccia). Tuttavia, il fatto di toccare la pelle trasmette reciprocamente molte sensazioni e informazioni in termini di desiderio, di compatibilità e di attrazione. Successivamente, quando si è creata una condizione di maggiore intimità fra i partner, i contatti fisici diventano assai più frequenti ed estesi, con carezze, baci, abbracci ecc. Il bacio svolge una funzione molto importante in questo ambito grazie alla elevata innervazione delle labbra. In quanto rituale di seduzione, il bacio è una pratica assai antica e molto diffusa. Esso, infatti, fornisce sensazioni e informazioni fondamentali per conoscere e valutare le qualità del partner, per verificare il potenziale della reciproca intesa, nonché per favorire una condizione di intimità grazie ,alla presenza di testosterone contenuta nella saliva dei machi. Sono soprattutto le donne a impiegare il bacio come mezzo per sincerarsi circa la bontà e l’affidabilità del potenziale partner.
Tratto da LA SEDUZIONE di Anna Bosetti
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: