Skip to content

La poesia e la narrativa contemporanea: Ashbery, Zanzotto, Pynchon, De Lillo, Ellroy

L'abbassamento del letterario e l'innalzamento del massmediale segnano lo spartiacque. La lingua dei giornali, della televisione, delle canzoni pop viene a costituire la coscienza dei personaggi. Le loro vite si costruiscono in sequenze che imitano il montaggio cinematografico. Le storie procedono a salti, tra buchi e vuoti, fuori da ogni idea di sviluppo cronologico. L'ordine degli eventi è stabilito dalla stessa collocazione in cui gli eventi vengono a trovarsi nella pagina.

La stessa non-consequenzialità si ritrova nella poesia di Ashbery. Un suo testo è un collage di frasi riportate, di ricordi, di giochi di parole. Il linguaggio non è aulico, ma quello della televisione. Non solo la parola è parlata, ma chi parla è quasi mai il poeta, più ascoltatore che dicitore. Anche la poesia di Zanzotto rientra nel postmoderno, anche se si distingue dal postmodernismo americano per una fede in un residuo di bellezza e verità scampato agli scempi dell'era capitalistica.

Altro maestro del postmoderno è l'americano Don DeLillo, mago del pastiche mediatico, fustigatore delle cospirazioni politiche, critico del consumismo culturale in una serie di romanzi avvolgenti. In The Body Artist (2000) De Lillo scopre la misura breve, l'intimismo e una prosa limpidissima. Postmoderna è l'atmosfera alienata di una contemporaneità allucinata. DeLillo è bravissimo a rappresentare la solitudine e l'interiorità con il dettaglio, fotografando tutto realisticamente.

Nell'opera di narratori come DeLillo si sente, oltre un'ossessività alienante, la gioia dell'invenzione e della contraffazione, pure unità a un'impressione di vanità e gratuità. Ma proprio in esse il narratore postmoderno esprime un trionfo assoluto, l'erezione di un monumento sul vuoto.

Tratto da LETTERATURA COMPARATA di Domenico Valenza
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: