Skip to content

Disturbo antisociale


A. Un quadro pervasivo di inosservanza e di violazione dei diritti degli altri, che si manifesta fin dall'età di 15 anni, come indicato da tre (o più) dei seguenti elementi:

1. Incapacità di conformarsi alle norme sociali per ciò che concerne il comportamento legale, come indicato dal ripetersi di condotte suscettibili di arresto
2. Disonestà, come indicato dal mentire, usare falsi nomi, o truffare gli altri ripetutamente, per profitto o per piacere personale
3. Impulsività o incapacità di pianificare
4. Irritabilità e aggressività, come indicato da scontri o assalti fisici ripetuti
5. Inosservanza spericolata della sicurezza propria e degli altri
6. Irresponsabilità abituale, come indicato dalla ripetuta incapacità di sostenere una attività lavorativa continuativa, o di far fronte ad obblighi finanziari
7. Mancanza di rimorso, come indicato dall'essere indifferenti o dal razionalizzare dopo avere danneggiato, maltrattato o derubato un altro

B. L'individuo ha almeno 18 anni.

C. Presenza di un Disturbo della Condotta con esordio prima dei 15 anni di età.

D. Il comportamento antisociale non si manifesta esclusivamente durante il decorso della Schizofrenia o di disturbo bipolare.
Si trova spesso sovrapposto a quello di psicopatia, ma non lo sono perché nel primo si trovano soprattutto aspetti di tipo comportamentale.

Per privilegiare l’affidabilità diagnostica, alcuni elementi e tratti importantissimi per capire questo disturbo sono stati trascurati. Bisogna andare oltre alla classificazione.
Per effettuare diagnosi di questo disturbo occorre che ci sia stato un disturbo della condotta ai 15 anni d’età.
Il criterio alla base è l’inosservanza delle leggi e del diritto.
È utile far riferimento a caratteristiche di base della psicopatia, i due disturbi non sono sovrapponibili, qui abbiamo aspetti che non sono prettamente comportamentali ma più di tipo cognitivo, affettivo. Nel DSM non c’è grande indicazione mentre nel concetto di psicopatia c’è.

Cleckly aveva evidenziato elementi importanti che danno idea del tratto di personalità, questi individui a prima vista hanno buona intelligenza, anche un certo fascino in più: mancanza di senso di colpa o sentimento di vergogna, incapacità di amare, di apprendere dalle punizioni (se hanno commesso un qualche fatto negativo, non apprendono dalle punizioni che hanno ricevuto), ristretta gamma di emozioni e il comportamento antisociale non è adeguatamente motivato (non c'è un disegno, lo fanno e basta, senza piacere né dispiacere, mancanza di motivazione).

La psicopatia è stata definita da Cleclky non solo a livello comportamentale ma anche dal punto di vista affettivo, interpersonale. C'è stato quindi un cambiamento, si va ad indagare quindi aspetti effettivi ed interpersonali.
Il DSM ha grande attendibilità per la diagnostica, meno dal punto di vista della validità. Sono individui che a prima vista hanno un fascino superficiale, buona intelligenza, mancanza di senso di colpa o vergogna, incapacità di amare, incapacità di apprendere dalle punizioni, povertà emotiva, comportamento antisociale e non adeguatamente motivato (non trovano una motivazione al loro comportamento antisociale) → senza piacere nè dispiacere (totale mancanza di motivazione). Non evitano gli altri ma trascurano i diritti degli altri rimanendo focalizzati sui propri interessi, se per caso dimostrano qualche sentimento in questo senso è sempre qualcosa di non spontaneo ed artificioso, se vengono fatti riflettere sulle situazioni negative, si stupiscono molto e si arrabbiano perché accusati, non si scusano per le loro azioni, se lo fanno è in maniera falsa.

Gli effetti nel disturbo antisociale quindi sono prettamente comportamentali nella psicopatia emotivi ed affettivi.
C’è la lista di Cleckly che mette in risalto i tratti della psicopatia, questa check list mette in evidenza che ci sono dei tatti di psicopatia primaria, incentrati soprattutto sulla dominanza sociale.
Esisterebbero quindi elementi di psicopatia primaria (dominanza sociale) e quelli secondari (devianza sociale).
Nel DMS abbiamo evidenziati maggiormente tratti di psicopatia secondaria.

Per descrivere il quadro diagnostico del disturbo antisociale di personalità → Nel DSM sono tratti di psicopatia secondaria cioè sono più tratti devianza sociale → comportamenti, piuttosto che veri e propri tratti affettivi ed interpersonali che determinano la psicopatia primaria. Per capire questi pazienti non si può prescindere da questi tratti di psicopatia primaria.

N.B. (per esame): C'è sovrapposizione tra tratti criminali e disturbo antisociale, ma anche quello narcisistico ed istrionico. Studi evidenziano infatti, che i tratti di psicopatia primaria sono sovrapponibili a tratti narcisistici ed istrionici di personalità.

Chi comincia a delinquere precocemente non ha solo un comportamento antisociale overt, ma anche anafettività ed insensibilità tipici delle caratteristiche di psicopatia di Cleckly. Gli omicidi a sangue freddo sono più caratteristici di chi ha elementi di psicopatia, mentre quelli passionali no.

Ci sono teorie diverse sull'origine della psicopatia.
Tratto da PSICOPATOLOGIA DIFFERENZIALE di Veronica Rossi
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.