Skip to content

Possibili domande esame


• LA REVISIONE E IL MODELLO DEL RISCHIO DI REVISIONE

Quale tipo di evidenza ha maggiore valore per il revisore tra: osservazione fisica diretta della realtà, conferma da parte di terzi, rilevazioni interne d’azienda?

Differenze in termini di efficacia ed efficienza tra le verifiche di coerenza e le verifiche di dettaglio

Definizione di rischio inerente, rischio di controllo e rischio di individuazione

Dato un livello di rischio di revisione (AR), precisare su quali elementi della formula IR X CR X DR = AR può agire il revisore e come

Il concetto di significatività dell’errore

I tre livelli della significatività e gli errori chiaramente trascurabili

Le verifiche sul presupposto di continuità aziendale (going concern) e le tipologie di giudizio che il revisore può emettere nei casi in cui il presupposto sia ritenuto dal revisore presente seppur con incertezze significative oppure sia ritenuto assente

Illustrare le diverse tipologie di giudizio del revisore

La struttura della relazione del revisore: illustrare il contenuto delle diverse sezioni.

• CICLO VENDITE

Fattori di rischio inerente nel ciclo vendite.

Almeno 2 esempi di suddivisione minimale dei compiti nel ciclo vendite.

Esempi di controlli chiave nel ciclo vendite.

Quali sono le verifiche alternative nel caso in cui non sia possibile la circolarizzazione dei crediti?

In che cosa consiste la procedura di circolarizzazione dei crediti verso clienti e quali sono i suoi limiti?

Rispetto ai cinque obiettivi di revisione nel ciclo vendite fare degli esempi di possibili errori riferiti a ciascuno degli obiettivi.

Fare almeno 2 esempi di verifiche di coerenza sul ciclo vendite indicando per ciascuna verifica: le grandezze oggetto di analisi, le anomalie che si potrebbero rilevare e le verifiche di dettaglio richieste in conseguenza delle anomalie rilevate.

La tecnica della “riselezione del campione” per incrementare l’efficienza delle verifiche analitiche nel ciclo vendite.

Le verifiche di cut-off nell’ambito del ciclo vendite.

Un anomalo incremento dell’indice di durata dei clienti quale errore potrebbe nascondere?

Un anomalo decremento dell’indice EBITDA/Vendite quale errore potrebbe nascondere?

Fornire un esempio di verifica di coerenza (in termini di aggregato/indicatore osservato e risultato della verifica) che potrebbe far sorgere un sospetto di inesistenza di alcuni acquisti di beni per un’impresa manifatturiera che opera nel settore alimentare e un ulteriore esempio di verifica di coerenza che potrebbe ingenerare un sospetto di inesistenza delle vendite.

Quali sono le verifiche di dettaglio che consentono di testare l’effettiva sussistenza degli errori sopra citati (inesistenza degli acquisti o inesistenza delle vendite)?

Qualora gli errori accertati (di inesistenza degli acquisiti o delle vendite) fossero volontari quali potrebbero essere le ragioni che potrebbero avere indotto gli amministratori alla loro rilevazione in bilancio?

Fornire un esempio di verifica di coerenza (in termini di aggregato/indicatore osservato e risultato della verifica) che potrebbe far sorgere un sospetto di incompletezza di alcuni acquisti di beni per un’impresa manifatturiera che opera nel settore alimentare e un ulteriore esempio di verifica di coerenza che potrebbe ingenerare un sospetto di incompletezza delle vendite.

Quali sono le verifiche di dettaglio che consentono di testare l’effettiva sussistenza degli errori sopra citati (incompletezza degli acquisti o incompletezza delle vendite)?

Qualora gli errori accertati (di incompletezza degli acquisti o delle vendite) fossero volontari quali potrebbero essere le ragioni che potrebbero avere indotto gli amministratori alla loro rilevazione in bilancio?

• CICLO ACQUSTI

Esempi di verifiche di coerenza sul ciclo acquisti e delle loro conseguenze sulle verifiche di dettaglio da eseguire.

Fattori di rischio inerente nel ciclo acquisti.

Rispetto ai cinque obiettivi di revisione nel ciclo acquisti fare degli esempi di possibili errori riferiti a ciascuno degli obiettivi.

Almeno 2 esempi di suddivisione minimale dei compiti nel ciclo acquisti.

Le aspettative di errore nelle classi di valori più rilevanti del ciclo acquisti.

In che cosa consistono le richieste di conferma dei saldi fornitori?

Quali differenze sussistono tra l’acquisto di beni e di servizi in termini di evidenza documentale sottostante?

Fornire almeno un esempio di procedura di controllo interno per ciascuno dei seguenti possibili errori:
1. ricevimento di beni non ordinati
2. registrazione di fatture per beni non ricevuti
3. omessa registrazione o registrazione non corretta delle fatture
4. effettuazione di pagamenti non autorizzati o doppio pagamento di una fattura

• CICLO LAVORO

La fase di pianificazione della revisione nel ciclo lavoro: quali sono le specificità legate alle caratteristiche del ciclo?

Per quale motivo le verifiche di coerenza assumono particolare rilevanza nell’ambito della revisione del ciclo lavoro?

Esempi di suddivisione minimale dei compiti nella gestione amministrativa del ciclo lavoro.

Nel ciclo lavoro le verifiche di dettaglio risultano decisamente costose in termini di risorse-uomo assorbite. Vi sono però degli elementi/fattori che incrementano notevolmente l’efficienza del revisore ai fini della verifica del ciclo lavoro. Quali sono questi elementi/fattori?

Rispetto agli obiettivi di revisione e di controllo interno nel ciclo lavoro fare degli esempi di possibili errori riferiti a ciascuno degli obiettivi (almeno 3 esempi riferiti ad obiettivi diversi).

Nell’ambito dei test di dettaglio del ciclo lavoro, è necessario procedere all’inventario fisico dei dipendenti?

Fornire almeno un esempio di procedura di controllo interno per ciascuno dei seguenti possibili errori:
1. pagamenti a dipendenti fittizi dimessi o licenziati
2. pagamenti a dipendenti effettivi per lavoro non effettuato
3. pagamenti non autorizzati oppure determinati applicando una tariffa non autorizzata
4. servizi prestati dai dipendenti ma non registrati
5. operazioni relative al ciclo retribuzioni non registrate secondo corretta competenza

• STRATEGIE DEL REVISORE

Con IR = 50% e CR = 20% quanto può permettersi il revisore di DR per avere un AR pari al 5%? La situazione corrisponde ad una strategia di affidabilità (affidamento sul sistema dei controlli interni) o di sostanza?

Con IR = 100% e CR = 50% quanto può permettersi il revisore di DR per avere un AR pari al 5%? La situazione corrisponde ad una strategia di affidabilità (affidamento sul sistema dei controlli interni) o di sostanza?

Con IR = 100% e CR = 100% quanto può permettersi il revisore di DR per avere un AR pari al 5%? La situazione corrisponde ad una strategia di affidabilità (affidamento sul sistema dei controlli interni) o di sostanza?

Con IR = 100% e CR = 10% quanto può permettersi il revisore di DR per avere un AR pari al 5%? La situazione corrisponde ad una strategia di affidabilità (affidamento sul sistema dei controlli interni) o di sostanza?

In base a quali elementi il revisore sceglie una strategia di affidabilità o di sostanza nell’ambito della revisione dei cicli?

Tratto da REVISIONE AZIENDALE AVANZATO di Mattia Fontana
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.