Skip to content

Elenco appunti facoltà  di scienze della comunicazione e dello spettacolo

Il linguaggio cinematografico. Fasi e tecniche per girare un film

Riassunto del libro “Il linguaggio cinematografico”. Le fasi principali che portano al concepimento di un film, come la sceneggiatura e la produzione. Si passa poi all'analisi degli elementi base per realizzare una sequenza: movimenti di macchina, montaggio, campi e inquadrature. Chiude la riflessione di Bazin su piano sequenza e profondità di campo.

Autore: Laura Righi
Corso: Discipline dell’Arte, della Musica e dello Spettacolo
Università: Università degli Studi di Bologna
Esame: Analisi di Film
Docente: Francesco Pitassio

Le teorie classiche del cinema

Riassunto del libro “Le teorie classiche del cinema” di A. Boschi. Dove e quando nascono le teorie del cinema e su che principi si basano le prime riflessioni dei teorici come Lukàcs, Dullac e il cineasta teorico Ejzenstejn. L'avvento del sonoro mette in crisi il pensiero di molti autori e si cerca un orientamento comune: per iniziare, favorire il sonoro ma non abusare del dialogo.

Autore: Laura Righi
Corso: Discipline dell’Arte, della Musica e dello Spettacolo
Università: Università degli Studi di Bologna
Esame: Storia delle teorie del cinema
Docente: Monica Dall’Asta

Catalogazione informatica del materiale audiovisivo

L'era di Internet ha comportato un ripensamento dell'archivio audiovisivo da convertire in formato informatico; si impone uno standard comune già dalla versione fisica della Fondazione internazionale degli archivi del film, problema che si ripresenta nella conversione in file. Diventano necessari elementi come il Thesaurus e l'authority file. Per l'Italia vengono considerati gli archivi RAI, LUCE e AAMOD.

Autore: Laura Righi
Corso: Discipline dell’Arte, della Musica e dello Spettacolo
Università: Università degli Studi di Bologna
Esame: Documentazione del patrimonio audiovisivo
Docente: Michele Canosa

Catalogazione del materiale audiovisivo

Riassunto del libro “Il documento audiovisivo: tecniche e metodi per la catalogazione”. Un'interessante storia dell'archivio audiovisivo, la cui necessità nasce quasi in contemporanea con il cinema stesso. Dall'archivio FIAF, internazionale e riconosciuto, alle dinamiche di catalogazione del materiale, come la documentazione dei dati tecnici e anagrafici dell'opera. Si discute il valore del film come documento oggettivo o testimonianza soggettiva. In particolare si osservano le caratteristiche degli archivi RAI e INA.

Autore: Laura Righi
Corso: Discipline dell’Arte, della Musica e dello Spettacolo
Università: Università degli Studi di Bologna
Esame: Documentazione del patrimonio audiovisivo
Docente: Michele Canosa

Codici e formato della serie tv

Riassunto di “L’innovazione nel seriale” di Umberto Eco. Il saggista italiano analizza il fenomeno della serialità televisiva e ne snocciola le tipologie e le caratteristiche, attraverso tre aspetti: il formato, i codici visivi e l'articolazione narrativa. Si distingue tra serial, serie, miniserie e si evidenzia l'eredità del formato classico americano per l'aspetto dell'infinitezza narrativa e dell'aspetto sentimentale.

Autore: Laura Righi
Corso: Discipline dell’Arte, della Musica e dello Spettacolo
Università: Università degli Studi di Bologna
Esame: Forme della serialità nel cinema e nella televisione
Docente: Monica Dall’Asta

Rimediazione. Mass media vecchi e nuovi

Riassunto del libro “Remediation. Competizione e integrazione tra media vecchi e nuovi”. Il cinema, così come altre forme di arte visiva, rientra in quelle discipline sottoposte a inevitabile processo di rimediazione, tanto necessario quanto naturale di fronte al progresso tecnologico e dei media. Come variano gli strumenti nella cultura visuale e come cambia l'utente stesso.

Autore: Laura Righi
Corso: Discipline dell’Arte, della Musica e dello Spettacolo
Università: Università degli Studi di Bologna
Esame: Teoria e tecnica delle comunicazione di massa
Docente: Pierluigi Capucci

Lo stile cinematografico

Riassunto del libro “Lo stile cinematografico” di E. Biasin, G. Bursi e L. Quaresima. Una carrellata di opinioni e definizioni che cercano di inquadrare il concetto di "stile" cinematografico, attraverso esempi autoriali quali le pellicole di Hitchcock, Kurosawa e Bergman o quelli divenuti noti come "Film manifesto". Nel cinema classico americano si cerca di identificare come distintivo il film noir in un dibattito tra stile e genere, per poi illustrare le tipologie di critica filmica nei diversi decenni del dopoguerra. Viene presa in esame l'immagine cinematografica della Berlino di Weimar negli anni '30, così come la critica al cinema politico italiano di Germi o Petri. Si chiude con l'influenza della televisione nelle dinamiche della creazione di un film.

Autore: Laura Righi
Corso: Discipline dell’Arte, della Musica e dello Spettacolo
Università: Università degli Studi di Bologna
Esame: Dinamiche dei processi intertestuali e intermediali
Docente: Leonardo Quaresima