Skip to content

Elenco appunti facoltà  di scienze umanistiche

La fedeltà nel '600

Il concetto di fedeltà come principio era un valore diffuso nei sudditi del 600, come pratica di fedeltà e come obbedienza al sovrano. Nel riassunto una breve interpretazione di Villari sulla condizione di cittadino fedele.

Autore: Alessia Muliere
Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza

Gli archivi tra passato e presente

Il tema del riassunto è la documentazione archivistica prodotta in Italia negli ultimi decenni del 900 e in questo inizio secolo, è segnata da alcuni tratti distintivi. E' da ricordare la crescente molteplicità dei soggetti produttori, pubblici e privati, oltre che l’affievolirsi di una netta distinzione tra sfera statale e non statale, e il ricorso sempre più frequente a tecnologie informatiche nel porre in essere e nell’utilizzare i documenti d’archivio. Importante è anche la fine del monopolio statale riguardo la conservazione-trasmissione della memoria documentaria, la cessazione della separazione tra beni archivistici e gli altri beni culturali.

Autore: Alessia Muliere
Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza

Il supplizio come spettacolo nell'antica Roma

La visione delle torture, delle esecuzioni cruente dei condannati alla pena capitale, della violenza esercitata su quelle che erano le componenti più deboli della società, era tutt’altro che rara nelle città romane. Ciò non stupisce se consideriamo che fra gli intrattenimenti più diffusi e graditi al pubblico uno dei primi posti era occupato dai combattimenti tra gladiatori che si concludevano di norma con l’uccisione del perdente. Gli aspetti del supplizio in età romana sono numerosi e vari: investono i campi del diritto, della morale, del gusto, sollevano problemi di psicologia sociale.

Autore: Alessia Muliere
Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza

Vita e costumi dei romani antichi

L'appunto tratta il tema della vita e i costumi degli antichi romani,in particolare viene descritto il culto primitivo dei romani tra cui il culto domestico, le pratiche magiche, le superstizioni e il culto dei morti. Successivamente vengono prese in considerazione le influenze che hanno pesato sulla religione e sulla cultura romana, quali le influenze greche ed etrusche. Infine viene descritto il complesso sacerdotale e la sua costituzione, i luoghi di culto, il calendario e le feste. Si conclude con un accenno al declino della religione tradizionale come conseguenza agli influssi orientali.

Autore: Alessia Muliere
Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza

Alle origini del mondo moderno

Negli scritti polemici del Cinquecento, la scarsa conoscenza della Bibbia, in particolare dell’epistolario Paolino, è un argomento che ricorre più volte; ad es. nell’Elogio della Follia di Erasmo del 1509, oppure Melantone mezzo secolo dopo, stigmatizzava con un aneddoto non solo la diffusa ignoranza del testo paolino, ma addirittura il suo rifiuto, ove questo sembrava non accordarsi con una teologia ortodossa. Gli appunti riguardano la storia delle origini della Riforma e della rinascita spirituale e religiosa che ha preceduto e accompagnato il concilio di Trento, ponendo l’accento sui protagonisti – l’apostolo Paolo e Agostino – e i grandi nomi dell’epoca moderna - Erasmo da Rotterdam, Martin Lutero, Melantone, Bucero, Calvino.

Autore: Alessia Muliere
Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza

Geopolitica delle emozioni

In "Geopolitica delle emozioni" Dominique Moïsi espone una sua analisi sul futuro dell’umanità, che sarà chiamata a fare i conti non solo con le tradizionali frontiere geografiche e le differenti identità culturali, così come è stato in passato, ma dovrà comprendere più in profondità l’impatto che sentimenti come la paura, l’umiliazione e la speranza avranno sui conflitti politici, sociali e culturali che condizionano il mondo; in futuro saranno proprio le emozioni, e non la fredda ragione geopolitica, a governare il pianeta.

Autore: Alessia Muliere
Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza

Codici dei beni culturali e del paesaggio

Appunti incentrati sui beni culturali e le disposizioni di legge in merito all'argomento. Il codice dei beni culturali e del paesaggio rivendica la tutela dei beni, la circolazione in ambito nazionale ed internazionale, l'espropriazione e la fruizione. Infine l'attenzione si sposta sulla tutela e sulla valorizzazione dei beni paesaggistici, del controllo e della gestione di essi.

Autore: Alessia Muliere
Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza