Skip to content

Postura e sollecitazioni tessutali


I cambiamenti posturali, hanno una notevole valenza sulla pressione che si viene ad esercitare sui vari tessuti che conseguenzialmente tramuta in dolore.

Bisogna sempre rimarcare che:
1. Le piccole flessioni lombari fanno si che il carico si distribuisca in modo omogeneo su tutto l’anulus evitando delle eccessive pressioni sulle faccette articolai;
2. I movimenti di flesso-estensione si riflettono sulla tensione dei legamenti posteriori che a loro volta producano delle modificazioni nella compressione discale.

Il valore della curva lordotica lombare è di notevole importanza, ed una sua alterazione comporta:
• Lo sforzo di compressione si porta verso la parte posteriore del disco intervertebrale;
• Si riduce l’attività posteriore del disco;
• Si riduce il canale spinale;
• Aumenta il carico sulla parte inferiore delle faccette articolari.

È proprio per questo che nella rieducazione posturale, è bene curare in particolar modo l’assetto del bacino e la parete addominale, in modo tale da poter ridurre l’eccessiva accentuazione della curva lombare.

Tratto da TEORIA TECNICA DIDATTICA ATTIVITÀ MOTORIA di Vincenzo Sorgente
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Teoria Tecnica Didattica Età Evolutiva

Il Corso prevede la conoscenza delle principali modificazioni funzionali nelle diverse età; la programmazione dell'attività motorie nelle diverse età; come preservare e sviluppare l' efficienza fisica nell'invecchiamento fisiologico o patologico.