Skip to content

Ruolo degli arti superiori nell'equilibrio posturale


Il mantenimento o il ripristino dell’articolazione scapolo-omerale con il coinvolgimenti di tutto l’arto superiore, è importante per poter eseguire gli esercizi di equilibrio posturale, e nella posizione di partenza da seduti è bene salvaguardare l’extrarotazione dell’omero, in modo tale da evitare quello che viene chiamato dorso curvo, con la retropulsione del mento, il controllo addominale e le spalle basse.
Infatti in base alla posizione degli arti inferiore si andrà a permettere la mobilizzazione del rachide dorsale, ovvero:
• Con gli arti inferiori mantenuti ungo i fianchi, si coinvolge la parte alta (mano in posizione supina);
• Con gli arti inferiori a ventaglio, si coinvolge la parte media;
• Con gli arti inferiori a candeliere, si coinvolge la parte bassa.

Nella posizione in quadrupedia, gli arti superiori ed inferiori fungono da leve ed hanno una valenza sul rachide in base alla loro posizione.
L’intervento sul rachide riguardante il posizionamento degli arti inferiori si ricava variando l’angolazione della coscia sul bacino, quindi in base se l’angolo è aperto o chiuso; mentre per quanto riguarda glia arti superiori, in questo caso è necessario aggiungere dei piccoli attrezzi che ne variano l’altezza.

Tratto da TEORIA TECNICA DIDATTICA ATTIVITÀ MOTORIA di Vincenzo Sorgente
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Teoria Tecnica Didattica Età Evolutiva

Il Corso prevede la conoscenza delle principali modificazioni funzionali nelle diverse età; la programmazione dell'attività motorie nelle diverse età; come preservare e sviluppare l' efficienza fisica nell'invecchiamento fisiologico o patologico.