Skip to content

Linguaggio nei bambini pretermine

I nati pretermine hanno un più elevato rischio di ritardo linguistico rispetto ai nati a termine, infatti bassi valori di ottimalità in gravidanza, alla nascita e nel periodo neonatale correlano significativamente con lo sviluppo del linguaggio.
I danni cerebrali perinatali danneggiano lo sviluppo del linguaggio, infatti: i bambini con paralisi cerebrali hanno più frequentemente disartrie e ritardi linguistici; i nati pretermine senza emorragie cerebrali e senza complicanze neurologiche non mostrano ritardi linguistici durante il primo anno di vita, quelli invece con emorragie della matrice germinativa ed emorragie ventricolari di II grado hanno un significativo ritardo nello sviluppo del linguaggio espressivo, tutto ciò sottolinea l’importanza di strutture sottocorticali nelle acquisizioni precoci di specifiche abilità cognitive.
di Anna Battista
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.