Skip to content

Disturbi della condotta: definizione

Il DSM-IV li definisce come “ comportamenti ripetitivi e persistenti che violano i diritti degli altri, le norme e le regole”; l’ICD-10 li definisce meglio qualificandoli come “antisociali, aggressivi e provocatori”; ciò significa che gli atti sociali o criminali isolati non sono,di per sé, un fondamento per la diagnosi.
A tal riguardo, vengono inquadrati nell’ambito dei disturbi da “esternalizzazione” differenziandoli dal quelli “internalizzanti” che si riferiscono a stati emotivi di ritiro, inibizione, passività, ansia e depressione.

di Anna Battista
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.