Skip to content

Azioni extracambiarie

Azione causale → azione basata sul rapporto sottostante all’emissione o al trasferimento della cambiale
Il portatore non soddisfatto può servirsi dell’azione causale, così come dell’azione cambiaria
L’azione causale può essere esercitata se:
- È stato elevato il protesto
- Il portatore ha offerto la restituzione del titolo e ha depositato la cambiale presso la cancelleria
- Il portatore ha compiuto le formalità necessarie per conservare al debitore le azioni di regresso
Queste condizioni sono finalizzate ad evitare che un debitore possa essere chiamato a pagare 2 volte il debito
Il portatore che ha perso l’azione cambiaria contro gli obbligati e che non ha un’azione causale contro gli obbligati, può ricorrere all’azione di ingiusto arricchimento agendo contro il traente/accettante/girante
di Fabio Merenda
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.