Skip to content

Convinzioni sociali e morali di Mandeville

Dagli studi medici passa a quelli sulla società e l’economia; nella sua attività letteraria fa emergere la sua vena satirica che lo avrebbe reso un polemista in grado di suscitare entusiasmo come forti critiche.
Vive per lo più in Inghilterra, dove pubblica i propri scritti in cui combatteva le convinzioni sociali e morali del tempo. Sostiene che l’egoismo non deve essere represso in quanto è il perno delle facoltà umane atte a realizzare il progresso: è grazie all’egoismo che i vizi privati si trasformano in pubblici benefici.
È l’interesse personale a guidare l’azione economica.
Esistono due concezioni di società civile:
1. Società Virtuosa, ma povera: comunità pacifica retta dalla virtù, sono uomini buoni e pacifici, disposti ad essere poveri pur di stare tranquilli
2. Società Viziosa e ricca: società popolosa, commerciale e militare. I bisogni crescenti di questa società stimolano la moltiplicazione delle risorse disponibili, del progresso delle scienze e delle arti. Il senso di appartenenza ad una comunità morale cessa di esistere, così come lo spirito civico
di Priscilla Cavalieri
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.