Skip to content

Corallo in Sicilia dal XI al XVII secolo: mercanti, tradizioni e maestranze

Le manifatture in corallo realizzate dai maestri trapanasi tra la fine del 1500 e l’inizio del 1700, sono di grande livello artistico e sono anche il risultato di una concomitanza di fattori culturali, storici, economici e sociali che hanno condotto al periodo d’oro dell’arte del corallo in Sicilia.
Il corallo ha una natura polimorfica e metamorfica, in bilico tra i tre regni: non minerale anche se pietrificato, non vegetale anche se ramificato, non animale anche se del colore del sangue.
Con la diffusione del pensiero cristiano il corallo si trasforma nel simbolo del sangue del Redentore, quindi ornare con coralli ostensori e calici significava accentuare la loro funzione di sacri contenitori del Salvatore.
Meraviglia dunque per la capacità del Creato di generare in natura una forma tanto spettacolare.

di Katia D'angelo
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.