Skip to content

Corteccia premotoria

Corteccia premotoria: è quell'area che si trova proprio davanti alla corteccia motoria.
I suoi neuroni rispondono a specifici atti motori e non a specifiche traiettorie (se si introduce l'elettrodo, ci si accorge che un neurone risponde a un comportamento motorio che consiste nel prendere un oggetto e porlo su una superficie --> questo è un atto e non una traiettoria, perché se si fa la traiettoria con il gessetto su una lavagna il neurone non risponde).

Secondo l'opinione di Rizzolati in questa corteccia c'è il vocabolario degli atti motori, le concatenazioni di azioni che alla fine portano a un movimento volontario. Inoltre gli stessi neuroni non rispondono solo a quel movimento, ma anche ad esempio all'oggetto che devo prendere,e anche se sposto la mano rispetto al l'oggetto il neurone continua a rispondere. Risponde anche alle caratteristiche percettive degli stimoli vicini al distretto motorio a cui è associato -- > sono chiamati neuroni bimodali dinamici. L'attività della corteccia premotoria associata ad una risposta manuale destra è bilaterale, solo in seguito l'attività diventa prevalentemente controlaterale, in corteccia motoria.

Esperimento di Libet: noi abbiamo l'idea di cominciare a muoverci e quindi comincia la catena di eventi legata al movimento. Libet dice al soggetto di premere un pulsante, e quando sente la volontà di premere il pulsante, guardare l'orologio e dire che ora è--> Riporta che i sogg programmano l'azione 206 msec prima del movimento (dovuto probabilmente al tempo dovuto a guardare l'orologio) Ma la programmazione corticale comincia un secondo prima --> la consapevolezza così sembra seguire e non innescare l'intenzione di muoversi (e quindi causarla). La coscienza sembra così un epifenomeno. 206 secondi prima i soggetti hanno l'intenzione consapevole di agire (sanno di voler agire) però in realtà l'intenzione (inconsapevole) parte un secondo prima a livello corticale.

L'attività dell'area supplementare motoria, della corteccia pre frontale anteriore e della corteccia parietale sono fondamentali per l'esperienza consapevole dell'intenzione di agire e rappresentano un sistema che controlla l'azione. La volontà consiste in una serie di decisioni che riguardano se agire, quale d'azione eseguire e quando.

di Mariasole Genovesi

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.