Skip to content

Il processo di cura della sindrome di Turner

Spesso si utilizza il GH (ormone della crescita), ma i costi di tale trattamento impongono una migliore valutazione dei benefici che il trattamento ha sull’impatto sociale di pazienti con bassa statura. E’ necessario iniziare una terapia sostitutiva con ormoni femminili, al fine di attivare la comparsa dei caratteri sessuali secondari e delle pseudomestruazioni.
Il mancato sviluppo del seno e l’assenza delle mestruazioni, l’inizio delle quali riveste un’importanza simbolica soprattutto per quelle ragazze che sanno della loro sterilità, può generare problematiche psicologiche che devono essere seguite.
La comparsa delle mestruazioni è comunque importante poiché favorisce l’acquisizione di un migliore concetto di sé.
In sintesi, si può dire che l’intervento con i soggetti con Turner deve occuparsi dei sentimenti delle pazienti, ma anche delle implicazioni cognitive, relazionali e di adattamento sociale; il coinvolgimento della famiglia e dell’ambiente è un valido aiuto e integra il lavoro svolto a livello individuale con le singole pazienti (Molinari e Ragazzoni, 1996).
Per le ragazze con Turner può essere importante avere informazioni chiare e complete sulla loro condizione, soprattutto per affrontare uno dei principali problemi con i quali devono confrontarsi: quello della povertà delle relazioni sociali.
Per queste ragazze sono dunque importanti sia l’intervento medico al fine di limitare o ridurre
le conseguenze della sindrome a livello fisico, sia il sostegno psicologico a loro e alle loro famiglie, con la finalità di offrire loro la possibilità di rendersi autonome nella crescita.

di Beatrice Segalini
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.