Skip to content

La mano invisibile di Adam Smith (1723- 1790)

Docente di filosofia morale all’università di Glasgow
Commissario delle dogane ad Edimburgo
Le opere più importanti sono:
- Teoria dei sentimenti morali è una raccolta delle sue lezioni di etica
-  La ricchezza delle Nazioni che segna l’inizio dell’economia come scienza autonoma. Quest'opera è una penetrante analisi dei processi di produzione e distribuzione della ricchezza economica, e dimostra che le fonti principali di ogni reddito risiedono nel lavoro e nel livello di produttività del lavoro.
La tesi principale della Ricchezza delle nazioni è che il lavoro, e dunque il capitale che ne aumenta la produttività, viene impiegato nel migliore dei modi in condizioni di non interferenza pubblica e di libero scambio.
Per spiegare questa tesi, Smith si servì della famosa metafora della "mano invisibile": ciascun individuo, nel perseguire il proprio tornaconto, è spinto, come da una mano invisibile, a operare per il bene di tutta la collettività. In pratica, la mano invisibile è la concorrenza che nasce da una molteplicità di singoli venditori egoisti. Essa serve ad abbassare i prezzi, a conservare le risorse e a far si che i produttori rispondano ai desideri dei consumatori. Ogni interferenza nella libera concorrenza da parte del governo è pertanto quasi sicuramente dannosa.
- Essay on Philosophical Subject
di Priscilla Cavalieri
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.