Skip to content

Lavoro subordinato: contratto collettivo

Il contratto collettivo ha efficacia tra le parti, quindi vincola solo gli iscritti → i sindacati non si sono registrati quindi non ha efficacia per tutti gli appartenenti alla categoria
L’art. 36 della costituzione dice che “il lavoratore ha diritto ad una retribuzione sufficiente ad assicurare a sé e alla propria famiglia un’esistenza libera e dignitosa” quindi ogni clausola che stabilisce una retribuzione inferiore a quella prevista dal contratto collettivo è considerata nulla e sostituita dal giudice con una clausola che stabilisce un livello di retribuzione che il giudice valute sulla base del contratto collettivo → il contratto collettivo finisce per avere efficacia erga omnes

Contrattazione di prossimità → i contratti collettivi sottoscritti a livello aziendale o nazionale dalle associazioni dei lavoratori più rappresentative o dai sindacati possono stabilire specifiche intese con efficacia nei confronti di tutti i lavoratori interessati purché siano sottoscritti sulla base di un criterio maggioritario + finalizzate alla maggior occupazione, alla emersione del lavoro irregolare, agli incrementi di competitività e salario
I sindacati possono quindi intervenire sull’organizzazione del lavoro e della produzione e, soprattutto, possono intervenire in deroga alle disposizioni di legge
di Fabio Merenda
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.