Skip to content

Nullità del contratto

Nullità = violazione di una norma inderogabile, salvo che la legge disponga diversamente
- Mancanza di un requisito essenziale
- Violenza assoluta/fisica
- Oggetto impossibile/inesistente/indeterminabile
- Illiceità di causa/oggetto/condizione/motivo comune a entrambe le parti
- Altri casi stabiliti dalla legge (es. patto commissorio)

La nullità è virtuale → sussiste dove se ne riconoscono i presupposti, senza espressa previsione

Dissenso palese → palese difformità tra proposta e accettazione → si parla di inesistenza del contratto, non di nullità

Illiceità → contrasto con:
- Norme imperative → inderogabili dall’autonomia privata perché poste a tutela di un interesse pubblico
- Ordine pubblico → principi che si ricavano dal sistema e che non possono essere derogati dall’autonomia privata
- Buon costume → valori della morale corrente
Illiceità della causa può non implicare illiceità dell’oggetto (es. prostituzione, cioè lo scambio di denaro per un rapporto sessuale), mentre l’illiceità dell’oggetto implica illiceità anche della causa

Frode alla legge → è illecito anche la causa del contratto che viene usato per eludere l’applicazione di una norma imperativa (es. vendita con patto di riscatto, che aggira il divieto di patto commissorio)
Frode ai creditori → l’atto con cui il debitore pregiudica le ragioni dei creditori (es. vendo un bene per sottrarlo all’esecuzione dei creditori); l’atto non è illecito ma i creditori possono chiedere che l’atto sia inefficace nei loro confronti con l’azione revocatoria
La nullità non è convalidabile se la legge non dispone diversamente (testamento o donazione nulla sono convalidabili)
Il contratto nullo è convertibile in un contratto diverso, di cui contiene i requisiti di sostanza e forma, che le parti avrebbero comunque stipulato
di Fabio Merenda
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.