Skip to content

Processo evolutivo storico

La società degli stati come intesa in senso più antico nasce nel 1648 (trattato di Westfalia), dove a seguito della guerra dei 30 anni, nascono i primi stati nazionali, si formalizza la suddivisione degli stati europei come sovrani.
Nei trattati di pace si inserisce il sistema di sicurezza collettiva → mantenere la pace in Europa.
1815: l’Europa esce dall’era napoleonica e col Congresso di Vienna, si costituisce il primo tentativo di cooperare per la pace e la sicurezza sia in Europa che fuori.
Tutto si basa su tesi pacifiste e kantiane e sulla real politik dell’equilibrio di potenza.
L’Europa esce dall’anarchia e tenta di assestarsi in base a
1. reti di alleanze fra grandi potenze,
2. reti di conferenze periodiche: il concerto europeo altro non è che l’impegno tra le grandi potenze (Francia-Austria Ungheria-Uk) di incontrarsi quando sia necessario per prevenire e affrontare le crisi.
→ L’aspirazione ad un ordine internazionale conduce alla prima forma di multilateralismo.
→ necessità di forme permanenti di collaborazione che si concretizzano in:
Concerto europeo (deliberazioni) per agire contro chi disturba l’ordine. La più tenue delle collaborazioni, si forma sull’accordo, sulla volontà degli stati.
1818 Conferenza di Aquisgrana: sull’entrata della Francia nel concerto
1884 Conferenza di Berlino sulle colonie in Africa
Unioni di stati: collaborazioni tecniche operate da enti creati dagli stati: fiumi, navigazione.
Regole comuni per umanizzare la guerra (croce rossa sui feriti, conferenze di Ginevra e Aia)
di Alice Lavinia Oppizzi
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.