Skip to content

Rapporto con il corpo nella cura di sè


Nella cultura di sé aumenta l’attenzione al corpo, che si inscrive in una morale in cui morte malattia e sofferenza non sono autentici mali ed è meglio consacrarsi all’anima. Mali di corpo e anima possono comunicare e scambiarsi: bisogna star attenti ad entrambi perché ad es. il corpo può contaminare l’anima e viceversa. Nella pratica di sé ci si concepisce come individuo non imperfetto, ma che soffre di certi mali (accostamento medicina-morale) che deve curare da sé e affidandosi a qualcuno. Rapporto con sè stesso come malato: anche se le malattie dell’anima son difficili da scovare e paiono invisibili, mentre quelle del corpo è facile rilevarle. Le malattie dell' anima le si può addirittura scambiare per virtu!

di Dario Gemini
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.