Skip to content

Retroattività della condizione nel contratto

La condizione opera retroattivamente: l’art. 1360 c.c. dispone che gli effetti dell’avveramento della condizione retroagiscono al tempo in cui è stato concluso il contratto.
Ciò significa che se il trasferimento era sottoposto a condizione sospensiva, l’acquirente acquista la proprietà fin dal momento della stipulazione del contratto; se era sottoposto a condizione risolutiva, il bene appartiene all’alienante fin dal momento della conclusione del contratto.
Si prevedono, però, delle deroghe alla retroattività: quando “per volontà delle parti o per la natura del rapporto, gli effetti del contratto o della risoluzione debbano essere riportati a un momento diverso” e se la condizione risolutiva è apposta a un contratto ad esecuzione continuata o periodica (“l’avveramento di essa non ha effetto riguardo alle prestazioni già eseguite”, salvo che non vi sia patto contrario).
Altra disposizione prevede che il rischio del perimento fortuito della cosa, sopravvenuto in pendenza della condizione sospensiva, non gravi sull’acquirente, il quale viene liberato dalla sua obbligazione.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.