Skip to content

Marghine e turismo culturale: le opportunità dell'area di Badde Salighes

La vita e la carriera di Benjamin Piercy

Benjamin Piercy nacque il 16 marzo del 1827 a Trefeglwys, nella contea di Montgomery, Galles. Suo padre Robert, agrimensore, addetto alle costruzioni stradali ed alle confische, esercitò la sua attività sia nella contea di Montgomery che in quelle di Denbigh e Flint. Fu inoltre socio di Brunel, il celebre costruttore della galleria sotto il Tamigi. Benjamin si laureò in ingegneria civile all’età di vent’anni, ma furono soprattutto gli insegnamenti paterni che lo portarono (insieme al fratello Robert) all’attenzione degli ambienti imprenditoriali, sia gallesi che londinesi. Nel 1847 Benjamin divenne capo-assistente di Charles Mickleburgh, sovrintendente regionale e membro della Commissione Territoriale della contea di Montgomery e fu in questa veste che iniziò ad occuparsi delle ferrovie del Galles. Nel 1851 collaborò con Henry Robertson nell’elaborazione del progetto per la realizzazione del tronco ferroviario Shrewsbury-Chester (città capoluogo dello Shropshire e del Cheshire) e del tratto che collega Oswestry a Newtown. Intraprese dunque la libera professione in qualità d’ingegnere ferroviario e pianificò per la compagnia della Red Valley Railway il progetto per la costruzione della linea Shrewsbury-Minsterley, che non venne però approvato in sede parlamentare a causa della dura opposizione dei partiti politici avversari, che erano in qualche modo legati ad imprenditori che vi si contrapponevano. Nonostante le forti opposizioni Benjamin Piercy riuscì a convincere la commissione parlamentare sull’opportunità di realizzare la linea ferroviaria, proponendo la modifica del tracciato che univa i centri di Shrewsbury e Welshpool tramite una diramazione per Minsterly. Tale successo gli procurò una grande reputazione come consulente tecnico e da quel momento in poi prese parte a quasi tutti i progetti per la costruzione delle ferrovie del Galles e di alcune contee inglesi: la Oswestry-Ellesmere-Whitchurch, la Oswestry- Newtown, la Llanidloes-Newtown, la Newtown-Machynlleth, la litoranea del Galles (lungo la costa occidentale dei Monti Cambrici), la Aberdovey-Barmouth-Pwllheli (nella parte settentrionale della Baia di Cardigan), la ferrovia della vallata del fiume Clwyd tra Ruthin e Rhyl (nella costa meridionale del Mare d’Irlanda) e nella contea di Caernavon (nello Stretto di Manai), la Denbigh-Ruthin-Corwen, la ferrovia centrale del Galles, la Hereford-Hay-Brecon (che attraversava la zona mineraria delle Black Mountain) ed infine la Wrexham-Mold-Connah’s Quay, tra la fascia settentrionale del Galles e la costa meridionale della Baia di Liverpool. Nella realizzazione di tutte queste linee, che si snodavano nelle tipiche “terre basse” gallesi, tra altitudini che arrivavano sino a 800 metri di quota e vallate incassate nel letto dei fiumi, l’ingegnere dovette affrontare delle difficoltà tecniche notevoli e realizzare opere d’ingegneria civile, alcune delle quali rimaste celebri, come la trincea di Tallerdding ed i ponti sugli estuari del Serven, del Mawddach e del Traeth Bychan, oltre ai signorili edifici delle stazioni di Oswestry e Welshpool. L’intensa attività professionale consentì a Benjamin Piercy di avere una salda posizione economica e nel 1855 sposò Sarah Davies, figlia di Thomas Davies, abbiente albergatore di Montgomery. La coppia si stabilì nel centro di Wrexham, nel Nord del Galles, dal quale, data la sua intensa attività lavorativa, l’ingegnere dovrà spesso spostarsi: a Londra, in Francia, in Italia, in Sardegna. Dal matrimonio tra Benjamin e Sarah nacquero nove figli, tre maschi e sei femmine: Robert Charles, Arabella, Florence, Lily, Eva, Henry Egerton, Ethel, Benjamin Herbert, Helena. Benjamin Piercy giunse in Sardegna nel 1865, tre anni dopo aver ricevuto l’incarico di coordinare il gruppo di progettisti per studiare i tracciati della ferrovia sarda, ma si trattò soltanto di una breve visita che gli servì per prendere i contatti con la realtà isolana. L’anno successivo venne infatti incaricato dalla Società Ferroviaria francese Naplèon-Vandèe di progettare la linea che avrebbe dovuto unire il centro di Tours (nella regione della Turenna) con la regione atlantica della Vandea.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Marghine e turismo culturale: le opportunità dell'area di Badde Salighes

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonella Corda
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze del turismo
  Relatore: Giovanni Sistu
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 84

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

architettura
ambiente
chiesa
turismo
archeologia
sardegna
cultura
inglese
nuraghe
specie endemiche
villa
specie rare
piercy
bolotana
marghine
bortigali
padru mannu
badde salighes
ortachis
mularza noa
macomer
bonorva
silanus
santa sabina

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi