Skip to content

Pratiche di giustizia riparativa: quale impatto nel contrasto alla recidiva? prime riflessioni di una meta-analisi

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INDICE INTRODUZIONE p. 7 PARTE PRIMA Capitolo I EVOLUZIONE STORICA DEI MODELLI DI GIUSTIZIA 1. La scuola classica di diritto penale....................................................................... 15 2. La scuola positivo – criminologica ................................................................ 19 2.1 La concezione della pena nella scuola positiva .............................. 22 3. Il codice penale Rocco: un compromesso storico ................................... 23 4. La Costituzione italiana: principi fondamentali riguardanti la pena .24 5. Dal Congresso internazionale dell’Aja all’entrata in vigore della nuova legge penitenziaria italiana ..................................................................... 27 5.1 L’attuazione del principio costituzionale di “pena rieducativa” 28 6. La legge penitenziaria del 1975 ............................................................................ 30 7. La normativa post 1975 e i primi orientamenti verso un sistema di ricomposizione dei conflitti .................................................................................... 33 Capitolo II LA GIUSTIZIA RIPARATIVA: ORIGINI E RICERCA DI UNA POSSIBILE DEFINIZIONE Introduzione ..................................................................................................................... 36 1. Agli albori della giustizia riparativa .................................................................. 38 2 1.1 La teoria abolizionistica ............................................................................... 39 1.2 Il contributo del femminismo ..................................................................... 42 1.3 Comunitarismo e giustizia riparativa ................................................... 43 2. Giustizia riparativa: alternativa al modello tradizionale? ..................... 43 2.1 Il modello purista di giustizia riparativa ............................................... 44 2.2 Le critiche al modello purista di restorative justice ....................... 45 3. Giustizia riparativa: verso una composizione pacifica dei conflitti? 46 3.1 Ragionare nell’ottica del “making things right” ............................ 47 3.2 Ripensare il sistema reato/pena .................................................................. 48 4. Possibili definizioni di giustizia riparativa ..................................................... 50 4.1 Nozione orientata sulla vittima di reato ............................................... 50 4.2 Nozione orientata sulla comunità ............................................................. 52 4.3 Nozione costruita sui contenuti della riparazione ............................ 54 5. Un’ontologia condivisa sulla nozione di giustizia riparativa .............. 56 Capitolo III GLI OBIETTIVI DELLA GIUSTIZIA RIPARATIVA 1. La giustizia riparativa negli studi sul miglioramento dell’efficienza del sistema delle pene .............................................................................................. 58 1.1 Diversion e mediazione ................................................................................. 59 1.2 Efficienza e paradigma riparativo nella prospettiva europea .. 61 1.3 L’idea di restorative justice nel contesto internazionale ........... 63 1.4 Il paradigma riparativo nel contesto internazionale con particolare riferimento al contesto minorile ....................................... 65 2. In che modo riparare il danno? ........................................................................... 66 3 3. Gli obiettivi endo-sistemici .................................................................................. 68 3.1 Il riconoscimento della vittima .................................................................. 68 3.2 La riparazione nella sua dimensione globale .................................... 70 3.3 L’autoresponsabilizzazione del reo ........................................................ 71 4. Gli obiettivi eso-sistematici .................................................................................. 72 4.1 La comunità nel processo di riparazione .............................................. 72 4.2 Il rafforzamento degli standard morali collettivi ............................ 72 4.3 Allarme sociale e insicurezza collettiva ............................................... 73 Capitolo IV LE MISURE ALTERNATIVE ALLA DETENZIONE PREVISTE DALL’ORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO 1. Le misure alternative alla detenzione nel carcere ordinario e, in particolare, l’affidamento in prova al servizio sociale .......................... 74 2. La sospensione del processo e messa alla prova dei minori autori di reato ...................................................................................................................................... 79 2.1 Origini della normativa sui minori ........................................................ 82 2.2 Il contenuto del D.P.R. 448/88 e, in particolare, l’art.2................ 84 2.3 I principi dell’articolo 28 ............................................................................... 86 2.4 Precisazioni in tema di estinzione del reato ....................................... 88 2.5 Presupposti applicativi della misura ......................................................... 91 2.6 Presupposti oggettivi ......................................................................................... 92 2.6.1 Tipologia dei reati e applicabilità della messa alla prova. 93 2.7 Presupposti soggettivi ........................................................................................ 94 4 2.7.1 L’analisi della personalità del minore ......................................... 95 2.7.2 Imputabilità e capacità di intendere e volere ......................... 97 Capitolo V TECNICHE E STRUMENTI DELLA GIUSTIZIA RIPARATIVA NEL CONTESTO INTERNAZIONALE 1. Uno sguardo d’insieme .......................................................................................... 100 2. La classificazione dell’International Scientific and Professional Advisory Council .................................................................................................... 101 2.1 Differenze e varianti applicative ........................................................... 104 3. Gli strumenti della giustizia riparativa nel modello di McCold ........................................................................................................................... 106 4. Alcuni modelli d’intervento della giustizia riparativa ....................... 109 4.1 VORP: programmi di riconciliazione autore-vittima ................ 109 4.2 I “Neighbourhood justice centres”........................................................... 111 4.3 Il “Family Group Conferencing”: una forma di mediazione allargata ................................................................................................................... 113 4.3.1 Il Family Group Conferencing in Nuova Zelanda ...... 118 4.3.2 L’esperienza australiana del Family Group Conferencing ..................................................................................... 121 5. La città di Hull (UK): pensare alla giustizia riparativa in chiave di comunità ......................................................................................................................... 123 6. Il progetto “Freedom Wings” ............................................................................ 130 7. La Commissione “Verità e Riconciliazione” del Sudafrica ............ 132 7.1 Breve cenno alla politica dell’apartheid ............................................ 133 5 7.2 L’istituzione della Truth and Reconciliation Commission ........135 7.3 Considerazioni .................................................................................................... 138 PARTE SECONDA Capitolo VI METODOLOGIA DELLA RICERCA 1. Obiettivi della ricerca ................................................................................................ 142 2. Campione e modalità operative .......................................................................... 142 3. Strumento d’indagine ................................................................................................ 144 3.1 Informazioni sull’articolo della rivista ................................................ 147 3.2 Dati riguardanti la ricerca ............................................................................. 148 3.3 Caratteristiche dei destinatari dell’intervento ................................. 149 3.4 Caratteristiche delle pratiche riparative .............................................. 152 3.5 Recidiva e soddisfazione delle parti ..................................................... 155 Capitolo VII ANALISI DEI DATI DI RICERCA 1. Principali risultati ....................................................................................................... 157 1.1 Riviste scientifiche consultate ................................................................... 157 1.2 Anno e luogo di realizzazione ................................................................... 160 6 1.3 Tipologie d’obiettivi individuate nel campione .............................. 162 1.4 Metodi d’indagine e durata delle ricerche ......................................... 164 1.5 Destinatari dell’intervento riparativo ................................................... 166 1.5.1 Distinzione tra adulti e minori d’età .................................. 166 1.5.2 Ripartizione di genere ............................................................... 168 1.5.3 Frequenze per fasce d’età ........................................................ 170 1.5.4 Razza/etnia dei partecipanti ai programmi ................... 172 1.5.5 Stato scolastico .............................................................................. 174 1.5.6 Stato occupazionale .................................................................... 175 1.6 Pratica riparativa e tipologia di reato ................................................... 176 1.6.1 Tipologia di pratica riparativa .............................................. 176 1.6.2 Tipologia di reato ......................................................................... 178 1.7 Monitoraggio e completamento del programma ........................... 180 1.7.1 Durata del follow-up .................................................................. 180 1.7.2 Completamento del programma .......................................... 181 1.8 Influenza delle misure alternative sulla recidiva ......................... 183 CONCLUSIONI ................................................................................................................. 188 BIBLIOGRAFIA ............................................................................................................... 194 SITOGRAFIA .................................................................................................................... 201
Indice della tesi: Pratiche di giustizia riparativa: quale impatto nel contrasto alla recidiva? prime riflessioni di una meta-analisi, Pagina 1

Indice dalla tesi:

Pratiche di giustizia riparativa: quale impatto nel contrasto alla recidiva? prime riflessioni di una meta-analisi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gian Mario Biddau
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Sassari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze della politica
  Relatore: Patrizia Patrizi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 203

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

trattamento penitenziario
misure alternative alla detenzione
restorative justice
giustizia riparativa, giustizia ristorativa,
paradigma riparativo, riconciliazione,
v.o.m., family group conferencing
sospensione del processo e messa alla prova
affidamento al servizio sociale
contrasto alla recidiva

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi