Skip to content

Strategie di internazionalizzazione delle imprese del prêt à porter di lusso italiane

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
<br/><b>Capitolo 1</b> <br/> La creativit&agrave;<br/> <br/><b>1. L'OPERA D'ARTE COME MEZZO DI COMUNICAZIONE</b> <br/> 1.1. Lo stile nell'arte<br/> 1.2. L'industrializzazione dello stile<br/> 1.2.1. I beni utili: dalla produzione artigianale all'industria<br/> 1.2.2. I beni effimeri: dall'Artifex rinascimentale al Genio michelangiolesco<br/> 1.2.3. Da William Morris alla Bauhaus<br/> 1.2.4. I gruppi creativi in Europa: Thonet, Bloomsbury e la Wiener Werkst&auml;tte<br/> 1.3. Le imprese basate sulla creativit&agrave; artistica<br/> 1.3.1. La funzione creativa<br/> 1.3.2. La funzione imprenditoriale<br/> 1.3.3. Conclusioni intorno al processo di industrializzazione dello stile<br/> <br/><b>Capitolo 2</b> <br/> Il sistema moda: il settore del pr&ecirc;t &agrave; porter di lusso<br/> <br/><b>1. EVOLUZIONE STORICA DEL SETTORE</b> <br/> 1.1. Gli anni Sessanta: il passaggio dalla sartoria all'industria<br/> 1.2. La seconda met&agrave; degli anni Sessanta: la crisi dell'alta moda<br/> 1.3. Gli anni Settanta: la crisi della grande impresa e l'affermazione della piccola impresa industriale di origine artigianale<br/> 1.4. Le core competencies e l'affermazione dell'impresa industriale di origine artigianale<br/> 1.5. La seconda met&agrave; degli anni Settanta e l'affermazione degli stilisti<br/> <br/><b>2. L'UNIVERSO DEL LUSSO</b> <br/> <br/><b>3. BISOGNI E DESIDERI</b> <br/> 3.1. La gerarchia dei bisogni<br/> 3.2. Le determinanti dei bisogni<br/> 3.3. Estensione dei bisogni<br/> 3.3.1. Bisogni, desideri e consumo<br/> <br/><b>4. LE DETERMINANTI DEL CONSUMO</b> <br/> 4.1. Giustificazioni del consumo<br/> 4.2. Modifiche nel comportamento dei consumatori<br/> <br/><b>5. IL CAMPO DEL SIMBOLICO</b> <br/> 5.1. Ornamento e simbolica ancestrale<br/> 5.2. Ornamenti e simbolismo individuale<br/> 5.3. Ornamenti e simbolismo sociale<br/> 5.4. Simbolica: insieme di codici<br/> <br/><b>6. RUOLO E FUNZIONE DEGLI OGGETTI</b> <br/> 6.1. Ruolo degli oggetti<br/> 6.2. Significato degli oggetti<br/> 6.3. Il ruolo degli oggetti firmati: pezzi unici e serializzazione<br/> 6.4. Oggetti: espressione di desideri<br/> 6.5. L'oggetto di lusso<br/> 6.6. Le determinanti del consumo di beni di lusso<br/> 6.7. L'evoluzione del consumo dei beni di lusso<br/> 6.8. La ricerca del lusso<br/> 6.9. Caratteristiche del prodotto di lusso<br/> 6.9.1. Gradazioni del lusso<br/> <br/><b>7. L'INDUSTRIA DEL LUSSO: UNA PROPOSTA PER UNA DEFINIZIONE</b> <br/> <br/><b>8. LA PRIMA META' DEGLI ANNI OTTANTA E IL SUCCESSO INTERNAZIONALE DEL MADE IN ITALY</b> <br/> 8.1. La nascita e il consolidamento del Made in Italy: ragioni di un successo internazionale<br/> 8.1.1. L'evoluzione della mentalit&agrave;<br/> 8.1.2. Il look<br/> 8.1.3. La collaborazione con il mondo della cultura<br/> 8.2. La seconda met&agrave; degli anni Ottanta e il nuovo quadro macroeconomico<br/> 8.2.1. L'evoluzione delle mentalit&agrave;<br/> 8.2.2. Le conseguenze per i produttori italiani del settore<br/> <br/><b>9. GLI ANNI NOVANTA</b> <br/> 9.1. Una nuova identit&agrave;?<br/> 9.2. La dinamica del gioco competitivo: un'analisi schematica<br/> 9.2.1. I grandi accordi internazionali e la dinamica della concorrenza internazionale<br/> 9.2.2. Il mercato Unico Europeo e la prospettiva dell'evoluzione dei costi e dei prezzi<br/> 9.2.3. La crisi economica mondiale dei primi anni Novanta e le esportazioni italiane<br/> 9.2.4. La seconda met&agrave; degli anni Novanta: prospettive a medio termine<br/> 9.2.5. Le conseguenze per la moda italiana nei mercati internazionali<br/> 9.2.5.1. Vecchi e nuovi mercati<br/> 9.2.6. La critica agli stilisti e il cambiamento dei fattori critici di successo<br/> 9.2.6.1. I cambiamenti nelle abitudini di acquisto<br/> <br/><b>Capitolo 3</b> <br/> La catena del valore delle imprese di abbigliamento di lusso<br/> <br/><b>1. UNA DEFINIZIONE DI MAISON</b> <br/> <br/><b>2. IL FATTORE CRITICO DI SUCCESSO DELLE AZIENDE PRODUTTRICI DI ABBIGLIAMENTO DI LUSSO GRIFFATO</b> <br/> <br/><b>3. LA CATENA DEL VALORE E LE AZIENDE CHE COLLABORANO 'DALL'ESTERNO'</b> <br/> 3.1. Le aziende fornitrici di materie prime<br/> 3.2. Le aziende industriali produttrici di capi di abbigliamento<br/> 3.3. Le aziende di distribuzione del prodotto finito: le catene di distribuzione all'ingrosso e al dettaglio<br/> 3.4. Le aziende che si occupano delle strategie di comunicazione, del marketing, delle pubbliche relazioni<br/> <br/><b>4. LA CATENA DEL VALORE DI UNA MAISON: LA CENTRALITA' DEL PROCESSO CREATIVO</b> <br/> 4.1. La catena del valore di una linea di Alta Moda<br/> 4.2. La catena del Valore della linea di pr&ecirc;t &agrave; porter<br/> 4.3. Catena del valore delle terze e quarte linee: un accenno<br/> <br/><b>Capitolo 4</b> <br/> L'elemento chiave della catena del valore: la creazione<br/> <br/><b>1. IL PROCESSO DI CREAZIONE DELLA COLLEZIONE</b> <br/> 1.1. Le forme di creazione<br/> 1.2. Le componenti di una collezione<br/> 1.3. Il mix dei prodotti<br/> 1.4. La pianificazione della collezione<br/> <br/><b>2. GLI ATTORI DEL PROCESSO DI CREAZIONE DELLA COLLEZIONE</b> <br/> <br/><b>3. QUALE RUOLO PER LA CREATIVITA'NEL PRET A PORTER?</b> <br/> <br/><b>Capitolo 5</b> <br/> Il settore abbigliamento in Italia<br/> <br/><b>1. DEFINIZIONE DEL SISTEMA MODA</b> <br/> <br/><b>2. IL SETTORE DELL'ABBIGLIAMENTO IN ITALIA E NEI PRINCIPALI PAESI ESTERI</b> <br/> 2.1 Specificit&agrave; di settore e di paese<br/> 2.1.1 Labour Intensity e aesthetic intensity<br/> 2.1.2 Le innovazioni di processo<br/> 2.2 La struttura del settore in Italia<br/> L'internazionalizzazione del settore in Italia<br/> Le strategie cooperative<br/> Le strategie di crescita non cooperativa<br/> <br/><b>Capitolo 6</b> <br/> Il fattore critico di successo: la differenziazione<br/> <br/><b>1. LA DIFFERENZIAZIONE COME FATTORE CRITICO DI SUCCESSO</b> <br/> 1.1. La differenziazione di stile e di immagine: alcuni esempi<br/> 1.1.1. Krizia<br/> 1.1.2. Armani<br/> 1.1.3. Ferr&egrave;<br/> 1.1.4. Dolce & Gabbana<br/> 1.1.5. Valentino<br/> <br/><b>Capitolo 7</b> <br/> Il caso Gianni Versace S.p.A<br/> <br/><b>LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL GRUPPO VERSACE</b> <br/> Il gruppo Versace<br/> <br/><b>2. I NUMERI DEL GRUPPO</b> <br/> <br/><b>3. INQUADRAMENTO STORICO</b> <br/> 3.1. La nascita di un marchio di successo<br/> <br/><b>4. STRUTTURA DELL'AZIENDA</b> <br/> 4.1. Assetto istituzionale<br/> 4.2. Combinazioni economiche<br/> 4.3. La politica di prodotto<br/> 4.4. Assetto Tecnico: le immobilizzazioni<br/> <br/><b>Capitolo 8</b> <br/> La comunicazione e la nazione di provenienza come elementi chiave della differenziazione<br/> <br/><b>1. LA COMUNICAZIONE NELLE AZIENDE DEL SISTEMA MODA ITALIANO</b> <br/> 1.1. La segmentazione del mercato e il posizionamento del prodotto<br/> <br/><b>2. STRATEGIA DEL GRUPPO VERSACE</b> <br/> 2.1. L'atipicit&agrave; di una strategia vincente<br/> 2.1.1. La focalizzazione sul lungo periodo<br/> 2.1.2. L'autonomia<br/> 2.1.3. La qualit&agrave; e il rapporto qualit&agrave;-prezzo<br/> 2.1.4. La diversificazione dei mercati<br/> 2.1.5. L'immagine<br/> 2.1.6. La politica di prodotto<br/> 2.1.6.1. Le diverse linee produttive come risultato di una precisa segmentazione di mercato <br/> 2.1.6.1.1. Gianni Versace<br/> 2.1.6.1.2. Istante<br/> 2.1.6.1.3. Versus<br/> 2.1.6.1.4. Versace Jeans Couture<br/> 2.1.6.1.5. Atelier<br/> 2.1.6.1.6. Accessori<br/> <br/><b>3. OBIETTIVI E STRUMENTI DELLA COMUNICAZIONE</b> <br/> 3.1. Il contenuto moda<br/> 3.2. Le aziende del Sistema Moda come investitori significativi in comunicazione<br/> 3.3. Le sfilate<br/> 3.3.1. Un esempio: il caso della Gianni Versace S.p.A<br/> 3.4. La comunicazione pubblicitaria delle seconde linee<br/> 3.5. La comunicazione pubblicitaria per le terze linee: un accenno<br/> 3.6. I limiti di sfilate, pubbliche relazioni e attivit&agrave; connesse<br/> 3.7. La comunicazione al trade e sul punto vendita<br/> 3.8. La pubblicit&agrave;<br/> 3.9. I grandi eventi<br/> 3.10. Le nuove forme di comunicazione: Internet<br/> 3.11. I risultati della ricerca empirica<br/> <br/><b>4. NAZIONE DI PROVENIENZA</b> <br/> <br/><b>Capitolo 9</b> <br/> Il modello di internazionalizzazione adottato dalla Gianni Versace S.p.A. e confronto con esempi ''minori''<br/> <br/><b>1. PREMESSA</b> <br/> <br/><b>2. IL MODELLO DI SVILUPPO DELL'ATTIVITA' ALL'ESTERO</b> <br/> 2.1. La scelta del vettore di crescita<br/> <br/><b>3. LA SELEZIONE DELLE MODALITA' DI INGRESSO NEL MERCATO ESTERO</b> <br/> 3.1. L'esportazione diretta<br/> 3.2. Il franchising<br/> <br/><b>Capitolo 10</b> <br/> L'andamento attuale e l'evoluzione futura dei modelli di impresa e di internazionalizzazione nel settore del pr&ecirc;t &agrave; porter di lusso<br/> <br/><b>1. I CAMBIAMENTI ECONOMICI E SOCIALI DEL CONSUMATORE</b> <br/> <br/><b>2. L'EVOLUZIONE IN ATTO NELLE IMPRESE</b> <br/> 2.1. La segmentazione: da grossolana a fine<br/> 2.2. Le conseguenze sulla strategia delle imprese<br/> 2.3. Le conseguenze sulle componenti della differenziazione<br/> 2.3.1. Le sfilate<br/> 2.3.2. Le politiche di comunicazione: gli investimenti pubblicitari<br/> 2.3.3. Gli effetti sulle politiche di commercializzazione: il punto vendita e il passaggio da una logica di esportazione a una logica di internazionalizzazione<br/> <br/><b>3. L'APERTURA DI NUOVE BOUTIQUE E LA TRASFORMAZIONE DI QUELLE ESISTENTI IN BOUTIQUE DI PROPRIETA'</b> <br/> <br/><b>4. LA NUOVA DIMENSIONE DELLE BOUTIQUE</b> <br/> <br/><b>5. LA RICERCA DI NUOVE ALLEANZE E DI NUOVI INVESTITORI: LA DIFFERENZA TRA LE MAISON ITALIANE E QUELLE FRANCESI</b> <br/> <br/><b>6. CONCLUSIONI</b> <br/>
Indice della tesi: Strategie di internazionalizzazione delle imprese del prêt à porter di lusso italiane, Pagina 3

Indice dalla tesi:

Strategie di internazionalizzazione delle imprese del prêt à porter di lusso italiane

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Bianchi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Claudio Ddematté
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 388

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alléres
alta gamma
artigianato artistico
globalizzazione moda
internazionalizzazione
lusso
moda
moda italiana
moda lusso
paesi in via di sviluppo
pret a porter
sistema italia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi