Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Fondi strutturali: norme e procedure di utilizzo con particolare riferimento alla Regione Sardegna

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Silvana Manca Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7851 click dal 01/02/2005.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'indice di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

<br/><b>Introduzione </b> <br/> <br/><b>Capitolo 1: I FONDI STRUTTURALI </b> <br/> 1.1 Il Titolo XVII del Trattato CE: Coesione economica e sociale <br/> 1.1.1 Dal Trattato di Roma alla prima riforma dei Fondi strutturali <br/> 1.1.2 Dall'Atto Unico alla riforma del 1993 <br/> 1.1.3 La riforma del 1999 <br/> 1.1.4 Come si articolano le politiche di coesione economica e sociale <br/> 1.2 Descrizione dei Fondi <br/> 1.2.1 Il FESR <br/> 1.2.2 Il FSE <br/> 1.2.3 Il FEAOG <br/> 1.2.4 Lo SFOP <br/> 1.2.5 Il Fondo di Coesione <br/> 1.3 Il ruolo delle istituzioni comunitarie <br/> 1.3.1 Il Consiglio <br/> 1.3.2 Il Parlamento europeo <br/> 1.3.3 La Commissione <br/> 1.3.4 I comitati consultivi e di gestione dei fondi. <br/> a) Comitato per lo sviluppo e la riconversione delle regioni (art. 48, RQ) <br/> b) Comitato di cui all'art. 147 del Trattato (art. 49, RQ) <br/> c) Comitato per le strutture agrarie e lo sviluppo rurale (art. 50, RQ) <br/> d) Comitato per le strutture della pesca e dell'acquicoltura (art. 51, RQ) <br/> 1.3.5 Il Comitato delle Regioni (CdR) <br/> 1.3.6 Il Comitato economico e sociale (CES) <br/> 1.4 Il ruolo della BEI <br/> <br/><b>Capitolo 2:LA SUDDIVISIONE DELLE COMPETENZE TRA I DIVERSI LIVELLI DI GESTIONE </b> <br/> 2.1 Le competenze comunitarie <br/> 2.1.1 Il principio di sussidiariet&agrave; <br/> 2.2 Il problema delle competenze Stato-Regioni: il Titolo V della Costituzione Italiana <br/> 2.2.1 Il principio di sussidiariet&agrave; nell'ordinamento italiano. <br/> 2.2.2 La riforma del Titolo V della Costituzione <br/> 2.2.3 Competenze regionali e diritto comunitario <br/> 2.3 Le origini della programmazione economica in Sardegna <br/> <br/><b>Capitolo 3: LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA 2000-2006 PER LA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA </b> <br/> I Fondi strutturali in Sardegna <br/> 3.1 Il POR 2000-2006 <br/> 3.1.1 Il riavvio strutturale tra Fondi comunitari e ''Nuova Programmazione'' <br/> 3.1.2 L'insularit&agrave; <br/> 3.2 Il Complemento di Programmazione <br/> 3.3 Gli Assi prioritari di intervento <br/> - Asse I: Risorse naturali <br/> - Asse II: Risorse culturali <br/> - Asse III: Risorse umane <br/> - Asse IV: Sistemi locali di sviluppo <br/> - Asse V: Citt&agrave; <br/> - Asse VI: Reti e nodi di servizio <br/> - Assistenza tecnica <br/> 3.4 Le iniziative comunitarie <br/> 3.4.1 Leader+ Sardegna <br/> 3.4.2 Interreg III A <br/> <br/><b>Capitolo 4: MODALITA' TECNICHE DI GESTIONE </b> <br/> 4.1 L'importanza della struttura di gestione e controllo dei Fondi per il sistema italiano di gestione delle risorse pubbliche <br/> 4.1.1 La creazione della rete dei Nuclei di Valutazione <br/> 4.1.2 L'esigenza delle capacit&agrave; professionali <br/> 4.2 La gestione e la sorveglianza <br/> 4.2.1 L'Autorit&agrave; di Gestione <br/> 4.2.2 L'Autorit&agrave; di Pagamento <br/> 4.2.3 Il Comitato di Sorveglianza <br/> 4.3 Il monitoraggio <br/> 4.4 La valutazione <br/> 4.4.1 La valutazione ex-ante <br/> 4.4.2 La valutazione intermedia <br/> 4.4.3 La valutazione ex-post <br/> 4.5 Il controllo<br/> 4.6 La responsabilit&agrave; nella gestione e nel controllo dei Fondi <br/> <br/><b>Capitolo 5: UN CASO SPECIFICO DI APPLICAZIONE: PARI OPPORTUNITA' E MISURE DI INCENTIVAZIONE PER L'IMPRENDITORIA FEMMINILE </b> <br/> 5.1 Donne e lavoro in Sardegna <br/> 5.2 Le pari opportunit&agrave; <br/> 5.2.1 L'evoluzione del principio delle pari opportunit&agrave; uomo-donna nel diritto comunitario <br/> 5.2.2 Il principio di pari opportunit&agrave; nel POR Sardegna <br/> 5.2.3 La Commissione regionale per la realizzazione delle pari opportunit&agrave; tra uomini e donne <br/> 5.3 La Misura 3.11: promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro <br/> 5.3.1 Azioni positive e imprenditoria femminile <br/> 5.3.2 Esempio: il prestito d'onore <br/> <br/><b>Conclusioni </b> <br/> <br/><b>Bibliografia </b> <br/>

Indice della Tesi di Silvana Manca

Indice della tesi: I Fondi strutturali: norme e procedure di utilizzo con particolare riferimento alla Regione Sardegna, Pagina 4