Comunicare Brera

Tesi di Laurea

Facoltà: Design e Arti

Autore: Serena Tralli Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1976 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo.

Anteprima della Tesi di Serena Tralli

Anteprima della tesi: Comunicare Brera, Pagina 1
Mostra/Nascondi contenuto.
1. Comunicare “ non c’è LUOGO, infatti, che non implichi e stimoli in noi, più o meno consapevolmente, un sentimento di condivisione e dunque una possibilità di comunicazione” S. Boeri (1) Concetto di comunicazione La comunicazione, è tra le attività vitali, dopo quelle di respirare e nutrirsi. Si comunica sostanzialmente per informare, instaurare rapporti, manifestare un’emozione. Il fenomeno comunicativo può essere considerato dualistico, facendo riferimento al suo essere strumentale e diretto o strutturale e indiretto. Nel primo caso avviene un’iterazione tra due, o un numero limitato di persone, nel secondo vi è la presenza di una struttura organizzata in grado di raggiungere la massa. Nell’ambito di questa proposta progettuale si prende in considerazione la prima di queste due valenze, approfondendo il concetto di comunicazione. Questa è un processo che può essere reversibile, sviluppato in modo circolare secondo un’interazione tra comunicazione e informazione. Da questa definizione va differenziata, seppur in modo prevalentemente teorico, quella di informazione, cioè quel processo a senso unico che parte dalla sorgente e si ferma al ricevente flusso di nozioni che parte dalla sorgente per giungere, attraverso determinati canali, al ricevente che ne percepisce l’insieme dei segni, li elabora, li confronta ed infine li conserva nella memoria. Nella realtà comunque informazione e comunicazione non sono sempre così facilmente distinguibili. Al centro dell’azione comunicativa vi è il messaggio, l’elemento cardine del processo di rappresentazione tra la realtà e la sua immagine. Attraverso il segno avviene il passaggio alla rappresentazione, che può accentuare, migliorare, trascurare tutto ciò che è più o meno funzionale al progetto comunicativo. Fondamentale è il ruolo della comunicazione nel fare in modo che uno spazio sia accessibile e fruibile, fornendo all’utente un sistema di coordinate spazio-temporali sia esterne che interne alla percezione. A questo scopo un luogo comunica se interpretato da un sistema di elementi informativi aggiunti, distribuiti lungo i suoi percorsi, al fine di garantire una chiara comprensione dello spazio stesso, diventando una sorta di manuale d’istruzione per l’uso. Spesso il rapporto che si ha con un oggetto, e in questo caso con uno spazio, è condizionato, e a volte coincide, con il grado di conoscenza, comprensione e relazione che si ha di esso e di conseguenza con la qualità dello spazio comunicativo. La comunicazione che, in questo caso, va studiata e considerata è certamente, più di ogni altra, quella visiva. 1.1 Comunicazione strumentale e diretta Vs. informazione Messaggio Segno Istruzioni d’uso 18