L'attività consultiva delle commissioni nel procedimento legislativo

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Massimo Marciano Contatta »

Composta da 203 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1700 click dal 18/05/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo.

Anteprima della Tesi di Massimo Marciano

Anteprima della tesi: L'attività consultiva delle commissioni nel procedimento legislativo, Pagina 13
Mostra/Nascondi contenuto.
17 le altre commissioni di merito sanzionavano con norme penali le violazioni a disposizioni sostanziali da esse approvate. 9 Pure obbligatorio è il parere della commissione parlamentare per le questioni regionali (art. 40, comma 9 reg. Sen.). Effetto procedimentale nuovo del parere contrario della V commissione (bilancio) per mancanza della copertura finanziaria prevista dall'art. 81, ultimo comma, Cost.: in aula la deliberazione sugli emendamenti oggetto dei pareri avviene attraverso la votazione nominale con scrutinio simultaneo (art. 102 bis reg. Sen.). L'istituzione della commissione speciale per le politiche comunitarie (ora XIV commissione permanente) compiuta nel 1990 alla Camera e la costituzione della Giunta per gli affari delle Comunità europee, già prevista nel regolamento del Senato con la riforma del '71 (art. 23), consentono di collocare l'attività consultiva del 9 Cfr. Di Ciolo V., Il diritto parlamentare nella teoria e nella pratica, Milano 1994, p. 381.