Analisi dell'impedenza di ingresso dell'aorta discendente mediante linea idraulica viscoelastica chiusa su un carico complesso

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Roberto Fogliardi Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2263 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo.

Anteprima della Tesi di Roberto Fogliardi

Anteprima della tesi: Analisi dell'impedenza di ingresso dell'aorta discendente mediante linea idraulica viscoelastica chiusa su un carico complesso, Pagina 15
Mostra/Nascondi contenuto.
18 d = (ld) pirm2 ρ . (1.21) Eseguendo l'analisi dei dati sperimentali, sia la (1.19) che la (1.21) conducono all'identificazione di una lunghezza media pari a d ≈ 7 cm. Le ipotesi più plausibili sul significato fisico di questo valore sono due: la prima è che il punto di riflessione si trovi nell'aorta discendente, prima delle derivazioni delle arterie intercostali, ipotesi questa non compatibile con alcuna considerazione anatomica; la seconda è che tale punto si trovi in corrispondenza della circolazione che irrora la testa e gli arti superiori. Permane, quindi, un'incertezza che fa dubitare della validità del modello, ovvero della sua adeguatezza a descrivere la realtà fisiologica. Questi risultati suggeriscono di considerare un modello più vicino alla morfologia dell'albero arterioso sistemico [3], considerando non una singola linea di trasmissione, ma due in parallelo, una delle quali individua l'arteria brachiocefalica, l'altra l'aorta discendente, ipotizzando, così, l'esistenza di due siti di riflessione, anzichè uno solo. Un modello di questo genere, con carichi complessi adattati, detto linea a T asimmetrica (o T-tube asimmetrico) è stato proposto da Burattini e Campbell [9], che hanno rilevato risultati di notevole interesse soprattutto in dati caratterizzati da una forte oscillazione diastolica, cui male si adattava il modello a linea singola .