; Skip to content

Ipotesi psicodinamica del figlicidio: Psicosi maniaco-depressiva e distruttività materna

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 1. Definizione di figlicidio Il termine figlicidio deriva dal latino filius, figlio, e cidium-cidere, uccidere che tradotto corrisponde a: uccisione del figlio. E viene utilizzato dalla criminologia per indicare l’uccisione del figlio dal compimento del primo anno di vita in poi (Fiorentini, 1981, 263-275). Tale fenomeno rientra nella più vasta gamma di atti aggressivi rivolti dal genitore verso il proprio figlio. Pertanto definire il figlicidio significa anche distinguere tra l’atto criminoso e ciò che viene denominata condotta con significato figlicida che ricorre nel caso di maltrattamenti fisici, seduzioni incestuose, sevizie psichiche (Carloni, Nobili, 2004, 62-76). Tali atti costituiscono comportamenti assunti nei confronti del proprio figlio, motivati da pulsioni aggressive che non culminano però nell’atto omicida. Nella nostra civiltà, particolarmente attenta ai diritti del minore e sensibile ad ogni tipo di abuso sull’infanzia, il delitto del figlicidio appare in tutta la sua gravità e incomprensibilità. Tuttavia il tema dell’assassinio del proprio figlio è riscontrabile in diverse culture e periodi storici. In riferimento a quest’ultimo aspetto basti pensare che nell’impero romano vi era “la patria potestà” che contemplava il diritto di vita e di morte sui figli che potevano essere venduti e sacrificati agli dèi. Devereux, psicoanalista e antropologo, riferisce che il cannibalismo ed il commercio della carne dei figli erano frequenti nel medioevo durante i periodi di carestia, così come sono stati consumati anche nella Russia post-rivoluzionaria e in Cina durante la grande carestia degli anni ‘59-‘61 (Deverux cit. in Di Gianfrancesco, 2005, 57). In culture differenti da quella Italiana, come quella Indiana e Africana si riscontrano casi in cui, secondo il costume locale, l’uccisione di un infante non viene considerato un delitto, poiché il neonato è appena venuto al mondo e non può essere considerato un essere umano completo. Secondo tali costumi, il neonato deve essere trasformato in essere umano poco alla volta. A tale proposito Bramante sostiene nel libro Fare e disfare dall’amore alla distruttività materna che prima del secolo attuale, in India i 6/7 della popolazione praticava in modo sistematico il figlicidio delle bambine ed era usanza diffusa tra le donne del Bengala gettare i propri figli nel Gange. Ogni anno in India nascono 12 milioni di bambini ma il 25% non arriva a 15 anni. Risulta che
Anteprima della tesi: Ipotesi psicodinamica del figlicidio: Psicosi maniaco-depressiva e distruttività materna, Pagina 4

Preview dalla tesi:

Ipotesi psicodinamica del figlicidio: Psicosi maniaco-depressiva e distruttività materna

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Serena Lauri
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Pontificia Università Salesiana
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Maria Luisa De Luca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 231

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

prevenzione
criminologia
infanticidio
figlicidio
depressione post partum
relazione madre-bambino
psicosi maniaco-depressiva
neonaticidio
s. freud
m. klein
d. winnicott
disturbo schizoaffettivo
madre uccide il figlio perchè estensione di sè
sindrome di munchausen
sindrome di medea
casi di figlicidio
nivoli
s.arieti
studio figlicidio merzagora-bestos
d. stern
tipologia figlicidio
autori psicodinamici figlicidio
m-mahler
trattamento e prevenzione coppia madre-bambino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi