Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La santeria. Credenze e pratiche rituali di una religione afrocubana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Dal punto di vista religioso, la religione è stata il “leitmotiv” della vita yoruba. “Tutto è sacro”. Così Valentino Salvoldi sintetizza la sua esperienza di vita e di ricerca tra gli Yoruba negli anni ’70. “Il mangiare insieme è un rito privilegiato: lo stesso cibo, consumato in un contesto di preghiera e di mistero, crea lo stesso sangue nei vari partecipanti ed è il presupposto per avere la stessa anima. Un solo cibo, un solo sangue, una sola anima: questo è l’apice della solidarietà umana, perché il banchetto, unendo gli uomini tra loro, pone il presupposto per un’alleanza con la divinità” 9 . L’Essere supremo, le divinità, sono state sempre le responsabili di tutti i fatti, sia di quelli felici che di quelli dolorosi. Tutto quello che può fare l’uomo è consultare l’oracolo per conoscere la volontà delle divinità e poter obbedire ai loro consigli e ai loro mandati. Il Dio Supremo costituisce il concetto religioso più evoluto ed elevato nella religione yoruba. È distinto dalle altre divinità del panteon in quanto è troppo elevato e troppo puro e di conseguenza troppo distante per essere oggetto di culto. Gli oricha sono gli dei del panteon. Sono concepiti come spiriti soprannaturali generalmente associati alle forze della natura: le tempeste, il vento, il mare, le malattie, la terra, le acque dolci. Gli oricha sono il prodotto di una concezione animista. Il culto degli antenati o “babanla” costituisce la terza categoria religiosa. Eccetto quello che si rende alla famiglia reale, il culto degli antenati è semplice ed essenzialmente privato; il sacerdote che lo officia è il capo della famiglia o del clan. La quarta categoria è costituita dagli amuleti e dagli oggetti magici. La religione yoruba è essenzialmente ritualista e liturgica. I riti seguono delle modalità fisse, invariabili e tradizionali. Ogni atto rituale è intriso di un certo sentimento magico, e chi non seguisse rigidamente il rituale tradizionale rischia di incorrere nella rabbia e nel castigo della divinità. Tra gli yoruba, infatti, il fine ultimo che persegue tutta la loro attività religiosa è assicurarsi il favore delle divinità. Si crede che, se il rito si svolge nelle forme e nelle condizioni appropriate, le divinità, soddisfatte, riempiranno i fedeli di beni. Essendo il rituale e il culto tradizionale così importante per gli yoruba, è necessaria la presenza di una casta sacerdotale molto organizzata e specializzata che garantisca il regolare svolgimento delle cerimonie. Le funzioni dei sacerdoti sono: agire come intermediari tra gli uomini e le divinità. Il sacerdote è l’avvocato dei credenti di fronte alle divinità ed è colui che indica alle divinità i desideri dei credenti. i sacerdoti sono, inoltre, divinatori. Anche se questa funzione è di esclusiva pertinenza dei babalawo, sacerdoti di Orunmila, in generale tutti i sacerdoti possiedono il potere di divinazione. Sono numerosi i metodi divinatori impiegati, anche se quella più completa e potente è quella usata dai babalawo. i sacerdoti sono incaricati di preparare gli amuleti. Agiscono anche come medici prescrivendo l’uso di certe erbe per particolari malattie. 9 Salvoldi, V., “Il banchetto sacro. Aspetti della cultura yoruba della Nigeria”, p. 9, da Lunesu, “Yoruba. Tra storia e religione”, Tesina per il Corso di Culture e società dell’Africa Musulmana, Prof. Alice Bellagamba, A.a. 2004 – 05, p. 7

Anteprima della Tesi di Sabrina Lunesu

Anteprima della tesi: La santeria. Credenze e pratiche rituali di una religione afrocubana, Pagina 8

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Sabrina Lunesu Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4212 click dal 19/04/2007.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.