La televisione del futuro: digitalizzazione e interattività

Tesi estera

Autore: Ulisse Vitali Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10153 click dal 14/12/2004.

 

Consultata integralmente 30 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Negli ultimi due decenni abbiamo assistito ad una vera e propria “digitalizzazione” della nostra vita. Siamo infatti passati da un sistema basato sull’analogico ad uno con caratteristiche digitali. A partire dagli anni ‘80, gran parte degli aspetti della vita umana è stato “trasformato in bit”, cioè nei più piccoli elementi fondamentali dell’informazione: una sequenza numerica binaria formata da una serie di 1 e 0.
Oggi, anche se evidentemente il mondo reale rimane analogico, siamo nell’era del digitale. Ogni sorta di apparecchio si sta digitalizzando: macchine fotografiche, supporti musicali, videocamere, automobili, elettrodomestici. Per non parlare dell’enorme diffusione dei personal computer e di Internet. Si tratta di una vera e propria “rivoluzione digitale”. Come poteva sfuggire a questo processo il mondo dei mass media e in particolare la sua regina incontrastata, la televisione? Dopo anni di quasi immutabilità tecnologica (praticamente dall’introduzione del colore), grazie all’evoluzione digitale la televisione sta subendo una sostanziale trasformazione. Per non rischiare di rimanere tagliato fuori, superato dalle nuove tecnologie a disposizione, il mezzo televisivo si vede quindi costretto a rinnovarsi, a cercare nuove vie per far fronte all’imponente avanzata di nuovi mezzi (come ad esempio Internet) che potrebbero farlo passare in secondo piano. La televisione, protagonista per quasi cinquant’anni della comunicazione di massa, è quindi ora nell’occhio del ciclone e il passaggio alla trasmissione digitale rappresenta una possibilità da non lasciarsi sfuggire per rimanere al passo con l’evoluzione tecnologica. L’universo della comunicazione, e in particolare la galassia audiovisiva, sono sensibilmente influenzati dall’avvento delle novità tecniche che ne stanno modificando le caratteristiche. Quella digitale sarà dunque una “rivoluzione” anche per la TV, in quanto porterà tali e tanti cambiamenti da mutare profondamente il modo attuale di fare e utilizzare la televisione.
Tra tutti gli aspetti legati alla televisione digitale, il più interessante ed innovativo sembra essere l’interattività. La cosiddetta “TV interattiva”, in grado di offrire una fruizione attiva dei contenuti televisivi, fornendo all’utente strumenti per interagire con il televisore e intervenire nella programmazione, è infatti la novità più auspicata che dovrebbe portare l’avvento della TV digitale.

Mostra/Nascondi contenuto.
Ulisse Vitali La televisione del futuro: digitalizzazione e interattività 5 1. Introduzione 1.1 Scopo della ricerca Negli ultimi due decenni abbiamo assistito ad una vera e propria “digitalizzazione” della nostra vita. Siamo infatti passati da un sistema basato sull’analogico ad uno con caratteristiche digitali. A partire dagli anni ‘80, gran parte degli aspetti della vita umana è stato “trasformato in bit”, cioè nei più piccoli elementi fondamentali dell’informazione: una sequenza numerica binaria formata da una serie di 1 e 0. Oggi, anche se evidentemente il mondo reale rimane analogico, siamo nell’era del digitale. Ogni sorta di apparecchio si sta digitalizzando: macchine fotografiche, supporti musicali, videocamere, automobili, elettrodomestici. Per non parlare dell’enorme diffusione dei personal computer e di Internet. Si tratta di una vera e propria “rivoluzione digitale”. Come poteva sfuggire a questo processo il mondo dei mass media e in particolare la sua regina incontrastata, la televisione? Dopo anni di quasi immutabilità tecnologica (praticamente dall’introduzione del colore), grazie all’evoluzione digitale la televisione sta subendo una sostanziale trasformazione. Per non rischiare di rimanere tagliato fuori, superato dalle nuove tecnologie a disposizione, il mezzo televisivo si vede quindi costretto a rinnovarsi, a cercare nuove vie per far fronte all’imponente avanzata di nuovi mezzi (come ad esempio Internet) che potrebbero farlo passare in secondo piano. La televisione, protagonista per quasi cinquant’anni della comunicazione di massa, è quindi ora nell’occhio del ciclone e il passaggio alla trasmissione digitale rappresenta una possibilità da non lasciarsi sfuggire per rimanere al passo con l’evoluzione tecnologica. L’universo della comunicazione, e in particolare la galassia audiovisiva, sono sensibilmente influenzati dall’avvento delle novità tecniche che ne stanno modificando le caratteristiche. Quella digitale sarà dunque una “rivoluzione” anche per la TV, in quanto porterà tali e tanti cambiamenti da mutare profondamente il modo attuale di fare e utilizzare la televisione. Parlare di TV digitale equivale quindi a nominare una delle novità più propagandate del nuovo scenario dei mass media. La digitalizzazione è ormai un trend mondiale: attualmente in Europa circa 30 milioni di abitazioni fruiscono della televisione digitale, ma si stima che entro il 2010 oltre 110 milioni di famiglie saranno raggiunte da questo servizio 1 . 1 Fonte: Informa Media Group, European Television 8th Edition, Aprile 2004.