Il teatro dell'antica Roma alle origini del teatro moderno

Il lavoro pone il teatro della civiltà latina, in specie quello del periodo tardo-repubblicano e imperiale alla base del teatro - cosiddetto di regia - della civiltà moderna.
In particolare vengono analizzati alcuni aspetti di quella civiltà dello spettacolo, quali la spettacolarità, anche deteriore, il divismo, i legami con il potere e con la società, e vengono confrontati con l'oggi.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 IL TEATRO DELL' ANTICA ROMA ALLE ORIGINI DEL TEATRO MODERNO INTRODUZIONE Quando Roma si apre al teatro greco, accettandone le regole sostanziali, la collocazione dell'arte drammatica è già stabilita. Nel 240 Livio Andronico mette in scena il primo dramma e la cornice è quella dei ludi, che non costituiscono però il momento del riconoscimento reciproco dei membri di una comunità politica, e assolvono perciò a una funzione assai diversa da quella svolta per esempio dalle Dionisie in Atene. Non staccati da un significato religioso, essi appaiono però una parentesi, e si propongono come uno svago, un divertimento, necessario e rigorosamente strutturato, ma comunque uno svago e non un momento di concentrazione e di festa in senso

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Fabio Cassarà Contatta »

Composta da 66 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8368 click dal 30/03/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.