Skip to content

La gestione dei rifiuti urbani

Informazioni tesi

  Autore: Cristiana Paterni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Teramo
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Sandro Pelillo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 205

La tesi si articola in quattro parti, ognuna delle quali cerca di dare un quadro esaustivo dell’argomento trattato, attraverso un processo che, considerando la nostra legislazione nell’ambito di una più articolata normativa, quale quella dell’Unione Europea, si snoda tutto intorno alla legge settoriale fondamentale in materia, il Decreto Legislativo n.22 del 5 febbraio 1997 e successive modifiche ed integrazioni, considerandone sia l’attuazione a livello nazionale che quella più minuziosa, e più tardiva, realizzata a livello regionale, provinciale e comunale mediante il diretto coinvolgimento degli Enti Locali.

Nella prima parte, fondamentale importanza assumono la protezione dell’ambiente, imposta da precetti costituzionali ed elevata a valore primario ed assoluto, e lo sviluppo sostenibile definito dalla Commissione Mondiale per l’Ambiente e lo Sviluppo del 1987 come quello che “soddisfa i bisogni della generazione presente senza compromettere la possibilità per le generazioni future di soddisfare a propria volta i loro bisogni”, perché proprio da questi concetti, il nostro Legislatore muove e, attraverso il recepimento delle principali direttive europee, rivoluziona il quadro complessivo in materia di rifiuti. Principale novità, introdotta dal decreto Ronchi, è certamente il concetto, prima sconosciuto, di gestione dei rifiuti, che consiste nella loro raccolta, trasporto, recupero e smaltimento, compreso il controllo di queste operazioni, nonché il controllo delle discariche e degli impianti di smaltimento dopo la loro chiusura.

Il sistema, analizzato nella seconda parte della trattazione, non è più incentrato sullo smaltimento, al contrario di quanto disponeva il precedente DPR n.915 del 1982, ma su un unico ciclo integrato di cui questo costituisce fase residuale; esso è caratterizzato dalla cooperazione e responsabilizzazione di tutti i soggetti coinvolti, cioè non solo di quelli che partecipano ai processi da cui si originano i rifiuti, come produzione, distribuzione, utilizzazione e consumo dei beni, ma anche di quelli che successivamente provvedono al trasporto, al recupero o allo smaltimento dei medesimi, a carico dei quali è previsto un articolato sistema di obblighi ed adempimenti amministrativi. Il Decreto Ronchi si pone, in questo senso, l’obiettivo di assicurare un’elevata protezione dell’ambiente principalmente attraverso la riduzione della quantità e della pericolosità dei rifiuti prodotti ed il loro recupero, per contenere il ricorso alle forme di smaltimento tradizionali.

Nella terza parte s’è intrapresa, alla luce della riforma costituzionale, un’indagine conoscitiva di quella che può essere definita “l’organizzazione amministrativa dei rifiuti”. È stato illustrato il quadro di distribuzione delle competenze, legislative ed amministrative, facenti capo allo Stato, alle Regioni, alle Province ed ai Comuni, sottolineando il ruolo di ciascuno di essi nel ciclo di gestione del rifiuto. Sono state esaminate le procedure autorizzatorie e di controllo, in regime ordinario e semplificato, anche con riferimento alle ipotesi di responsabilità oggettiva derivanti dall’inquinamento dei siti ed all’onere reale costituito dal ripristino degli stessi. È stata descritta la disciplina di gestione degli imballaggi, anche facendo cenno al ruolo rivestito dal CONAI; sono stati infine analizzati il sistema tariffario e l’impianto sanzionatorio.

L’ultima parte della tesi prospetta un’attenta disamina dello stato d’attuazione della normativa a livello locale, con riferimento particolare alla Regione Abruzzo. È stata presa in considerazione la principale legge regionale in materia di rifiuti, la n.83 del 2000, che in allegato contiene il Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti; è stata illustrata la proposta di nuovo piano presentata dalla legislatura conclusasi il 16 febbraio 2005; sono state, da ultimo, analizzate le situazioni della Provincia e del Comune di Pescara, prendendo a riferimento il Piano Operativo Provinciale ed il Regolamento Comunale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
10 PARTE PRIMA LE BASI GIURIDICHE

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cdr
codice urbani
decreto ronchi 22/1997
dell'ambiente ambientale
diritto amministrativo pubblica amministrazione
discarica
ecologia
ecomafia
gestione recupero smaltimento
legge quadro settoriale
percolato
raccolta differenziata
rifiuti
rsu
smaltimento
termovalorizzazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi