Skip to content

A partire da Marcel Mauss: il paradosso del dono fra reciprocità e dispendio.

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Tagliabò
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Bruna Giacomini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 198

"In tutte le società che ci hanno immediatamente preceduto e che ancora ci circondano, ed anche in numerose usanze connesse con la nostra morale popolare, non esiste via di mezzo: fidarsi interamente o diffidare interamente; deporre le armi e rinunciare alla magia, o dare tutto: dalla ospitalità fugace alle figlie e ai beni. E' in uno stato del genere che l'uomo ha rinunciato a restare sulle sue e si è impegnato a dare e a ricambiare" (M. Mauss, Saggio sul dono).

"Nelle società occidentali si porrà, ogni giorno con maggiore acutezza, la questione di sapere se è possibile fare appello allo spirito del dono per uscire dai vicoli ciechi che esse hanno imboccato e che, anche a causa della crisi economica e politica, si rivelano sempre più carichi di minacce...Non è dunque un Dio che solo potrebbe salvarci. E' lo sviluppo di una logica terza, in parte fondata sul dono, il volontariato e l'impegno gratuito, sull'investimento libero e volontario in compiti d'interesse comune" (A. Caillé, Il terzo paradigma).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il Saggio sul dono di Marcel Mauss è concordemente considerato una pietra miliare dell’antropologia: lo studioso francese, infatti, non solo è stato fra i primi ad avviare delle ricerche sull’economia primitiva, ma ha soprattutto avuto il grande merito di “rompere definitivamente con l’evoluzionismo del XIX secolo, che, da Comte a Durkheim, da Spencer a Morgan, da Frezer a Tylor dominava incontrastato le discipline etnologiche e sociologiche” 1 . Questa sorta di “decentramento culturale” ha permesso a Mauss di accedere alla complessità e ricchezza della vita sociale arcaica, “non esitando a contestare quelle anime belle che vedevano nell’homo oeconomicus o nell’homo faber il tipo più compiuto di umanità” 2 . Il contributo essenziale che Mauss ha offerto all’antropologia consiste nell’aver dimostrato che, presso la maggior parte delle società arcaiche, gli scambi si effettuano sotto forma di doni e controdoni e che, dunque, la dimensione in essi preponderante non è quella economica, ma quella sociale: il dono, come lo definisce Mauss, è, infatti, un “fatto sociale totale” ed è proprio in questa definizione che, secondo Claude Lévi- Strauss, è contenuto il carattere rivoluzionario del Saggio sul dono. Pur basandosi, in particolar modo, sulle precedenti ricerche di Boas e di Malinowski, Mauss le interpretò in modo originale, partendo da un punto di vista che con un solo sguardo, quello del dono, gli permettesse di abbracciare agevolmente il “tutto”. Le parole con cui Lévi-Strauss ha introdotto questo mirabile saggio sono forse quelle che meglio ne colgono il carattere eccezionale, che si cela al di sotto di una erudizione non comune e di una apparente semplicità: “da dove proviene, dunque, la forza straordinaria di queste pagine disordinate, che conservano ancora qualcosa della minuta, in cui si giustappongono in modo così bizzarro le notazioni impressionistiche e, compressa il più delle volte in un apparato critico che schiaccia il testo, una erudizione ispirata, che sembra spigolare a caso testimonianze americane, indiane, celtiche, greche, o oceaniche, ma sempre ugualmente probanti? Poche persone hanno potuto leggere l’Essai sur le don senza provare tutta la gamma delle emozioni così ben descritte da Malebranche evocando la sua prima lettura di Descartes: il cuore in tumulto, la testa in ebollizione, e lo spirito invaso da una certezza ancora indefinibile, ma imperiosa, di 1 C.CHAMPETIER, Homo consumans. Morte e rinascita del dono, tr.it. di P.Montanari, Casalecchio (BO) 1999, p. 17. 2 Ivi, p. 18.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bataille
derrida
dispendio
dono
fatto sociale totale
homo oeconomicus
kula
latouche
legame sociale
mauss
potlatch
reciprocità
scambio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi