Skip to content

I Miti della Tradizione nella Cina del Terzo Millennio

Informazioni tesi

  Autore: Michele Carnevale Schianca
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM)
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze e Tecnologie della Comunicazione
  Relatore: Rosantonietta Scramaglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

C’è ancora spazio nella Cina dei nostri tempi per la mitologia tradizionale di una cultura risalente a circa tremila anni fa? C’è ancora qualche cinese che conosce e ricorda i miti della sua cultura?
Dall’indagine svolta presso soggetti che vivono in Italia (e non) sono emerse constatazioni interessanti…
Ma facciamo un passo indietro… Perché la Cina? Perché tra tante culture esistenti, anche più vicine a noi, abbiamo deciso di analizzare proprio quella cinese?
Abbiamo deciso di analizzare la cultura cinese poiché la Cina non è più così distante, non è più un panorama isolato; bensì nell’ultimo decennio, e negli ultimi anni in particolare, e entrata attivamente a far parte delle nazioni che hanno un ruolo da protagonista nella scena dell’economia mondiale, forte di una popolazione lavorativa di più di un miliardo di persone.
Come detto la Cina ha abbandonato la politica isolazionista che la caratterizzava, per partecipare alla politica mondiale. Pertanto possiamo affermare che è la presenza nuova del Terzo Millennio sulla scena politico-economica mondiale e non è certo una presenza trascurabile.
Inoltre alla presenza a livello macroeconomico della Cina come stato, dobbiamo aggiungere la presenza umana che ha popolato anche l’Italia in questi ultimi anni. Presenza che in parte ci ha colti impreparati in quanto assai diversa dal classico stereotipo di un venditore ambulante che offre qualsiasi genere di prodotto a prezzi stracciati. Quest’immagine è assai vecchia e superata perché ormai noi abbiamo a che fare anche con professionisti specializzati e manager all’avanguardia, uomini d’affari e professori, imprenditori e studenti che danno un apporto economico e socioculturale rilevante alla nostra nazione.
Pertanto abbiamo deciso di contattare alcuni di questi personaggi e sentire i loro racconti cercando di capire quanto, ancora nel Terzo Millennio, uno studente piuttosto che un uomo d’affari che vivono in Italia possano conoscere e ricordare della tradizione mitologica della propria cultura.
Perché proprio i miti? Cosa possono avere in comune i miti con la vita del Terzo Millennio?
In tutte le tradizioni culturali il mito assume un ruolo educativo.
Tutti imiti, siano essi della cultura greca come di quella romana, della tradizione cristiana o di quella ebraica, di quella dei popoli nordici come dei popoli dell’America centro-meridionale o dei nativi pellerossa… Conservano in se una funzione educativa che serve a modellare l’etica, la morale e la cultura in generale di una nazione. I miti sono “figli” delle persone in quanto queste li creano e li tramandano, ma allo stesso tempo sono “padri” poiché crescono ed educano diverse generazioni, esplicitando loro i valori fondanti della società.
Abbiamo così pensato che se davvero si voleva conoscere qualcosa di persone con tradizioni e usanze diverse dalle nostre, ma che nella nostra cultura si stanno integrando, quella di passare attraverso i miti tradizionali sarebbe potuta essere una strada adeguata, seppur non agevole e con qualche difficoltà, e sicuramente ricca ed appagante.
Abbiamo deciso di dividere la nostra trattazione in tre parti principali:
- la prima dove vengono esposti i miti che sono emersi dalla ricerca bibliografica
- la seconda nella quale anche attraverso alla trascrizione di alcune parti di intervista, verranno presentate le conoscenze dei miti da noi trovati da parte dei soggetti intervistati e verranno esposti i miti di cui non eravamo a conoscenza e che ci sono stati narrati dagli intervistati
- la terza, ed ultima, parte , infine, servirà a “tirare le somme” della nostra ricerca; andremo ad analizzare ciò che è emerso dalle interviste, se coincide o meno con ciò che conoscevamo in linea teorica analizzando tanto la coincidenza quanto l’affinità o meno degli altri miti emersi.
Infine analizzeremo il rapporto emerso tra i miti tradizionali e la vita nel Terzo Millennio.
In tutte le sezioni useremo una partizione categoriale dei miti che vedrà come categorie base:
- i Miti della Creazione,
- i Miti del Paradiso,
- i Miti degli Eroi,
- i Miti del Diluvio.
Questa partizione si basa su una divisione classica che in linea di massima si trova in tutte le tradizioni mitologiche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE A “I MITI DELLA TRADIZIONE NELLA CINA DEL TERZO MILLENNIO” C’è ancora spazio nella Cina dei nostri tempi per la mitologia tradizionale di una cultura risalente a circa tremila anni fa? C’è ancora qualche cinese che conosce e ricorda i miti della sua cultura? Ma facciamo un passo indietro… Perché la Cina? Perché tra tante culture esistenti, anche più vicine a noi, abbiamo deciso di analizzare proprio quella cinese? Abbiamo deciso di analizzare la cultura cinese poiché la Cina non è più così distante, non è più un panorama isolato; bensì, nell’ultimo decennio, e negli ultimi anni in particolare, è entrata attivamente a far parte delle nazioni che hanno un ruolo da protagonista nella scena dell’economia mondiale, forte di una popolazione lavorativa di più di un miliardo di persone. Come detto, la Cina ha abbandonato la politica isolazionista che la caratterizzava, per partecipare alla politica mondiale. Pertanto, possiamo affermare che è la presenza nuova del Terzo Millennio sulla scena politico-economica mondiale e non è certo una presenza trascurabile. Inoltre, alla presenza a livello macroeconomico della Cina come stato, dobbiamo aggiungere la presenza umana che ha popolato anche l’Italia in questi ultimi anni. Presenza che in parte ci ha colti impreparati in quanto assai diversa dal classico stereotipo del cinese venditore ambulante che offre qualsiasi genere di prodotto a prezzi stracciati. Quest’immagine è assai vecchia e superata perché ormai abbiamo a che fare con professionisti specializzati e manager all’avanguardia, uomini d’affari e professori, imprenditori e studenti che danno un apporto economico e socioculturale rilevante nelle nazioni in cui vivono.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi