Skip to content

Un'immagine dell'Italia negli Stati Uniti. The New York Times Book Review e la letteratura italiana (1947-1987).

Informazioni tesi

  Autore: Michela Acquaviva
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Chiar.ma Rita Cambria
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 250

Questa tesi è disponibile nelle seguenti traduzioni:

Questo lavoro si è posto l’obiettivo di ricostruire un’immagine dell’Italia negli Stati Uniti, così come ha preso forma sulle pagine di The New York Times Book Review, tra il 1947 e il 1987 (attraverso le recensioni, tra critica e, più spesso, semplice divulgazione delle opere italiane tradotte in quel periodo in America: dalle prove che hanno visto la luce nel corso del Novecento, a quelle classiche, tra cui, in modo particolare, l’opera di Dante, ma anche quella di Boccaccio, Petrarca e, incredibile a dirsi, Michelangelo).
La varietà, per forme e contenuti, delle opere italiane pubblicate ha permesso una altrettanto ricca varietà di approcci da parte dei critici della Book Review, dalla semplice citazione del nome dell’autore o del titolo delle sua ultima fatica, o della riedizione di un lavoro già pubblicato, allo scialbo riassunto (più raramente di quanto mi aspettassi), fino alla recensione degna di questo nome. A poco a poco, dunque, sotto i miei occhi ha cominciato a prendere forma un’immagine dell’Italia sorprendentemente positiva e, a tratti, lusinghiera, anche se frammentaria, tutta da scoprire fra le tracce lasciate in ordine sparso, ma in gran copia, nelle pagine della rivista americana. In realtà, The New York Times Book Review, non è propriamente una rivista di critica letteraria, quanto, piuttosto, un mezzo di divulgazione culturale che ha potuto fare affidamento sulla puntuale collaborazione di insegnanti, saggisti, poeti, romanzieri e traduttori. Le segnalazioni della Book Review, inoltre, si riferiscono alle traduzioni delle opere italiane, non alle loro versioni originali, e la maggior parte delle indicazioni riguardanti i libri e gli autori, è piuttosto equilibrata fra divulgazione e informazioni più precise relative allo stile, alle mancanze o ai pregi delle opere, che presuppongono una conoscenza non certo superficiale della letteratura internazionale da parte del lettore americano.
Per ordinare la quantità del materiale a mia disposizione e ottenere un quadro unitario, per quanto possibile, delle modalità di accoglienza della nostra letteratura in America e, attraverso esse, riuscire a delineare l’immagine dell’Italia che ha percorso le strade delle terre d’oltreoceano a partire dal secondo dopoguerra, ho scelto un’impostazione che prevede di raggruppare, per ogni decade, e dunque in ciascuno dei quattro capitoli che costituiscono al mia ricerca, le recensioni dedicate ad un medesimo autore, ad una stessa tendenza narrativa, o al ricordo degli “intramontabili classici”, articolandole in una serie variabile di paragrafi.
Al termine di questa incursione nelle pagine della Book Review, è chiaro che l’Italia della cultura fa effettivamente notizia negli Stati Uniti. L’ampio numero delle recensioni, infatti, mi ha piacevolmente sorpresa, portandomi a riconsiderare, almeno in parte, affermazioni affrettate e superficiali su una percezione distorta dell’immagine della cultura italiana all’estero (retaggio di duecento anni di pregiudizi e incomprensioni reciproci). Il merito va a tutti quegli autori che, a partire dal secondo dopoguerra, hanno testimoniato la rinata vitalità della nostra tradizione letteraria, contribuendo ad alimentare, in misura sempre maggiore, l’interesse americano per la nostra cultura. Questo interesse, a volte, ha assunto i contorni di una forte passione per le cose d’Italia e per alcuni autori, come dimostrano i commenti all’opera di Moravia, Calvino, Sciascia, Eco e, nonostante la difficoltà delle lettura e della traduzione, di Gadda e Pasolini.
La varietà delle esperienze italiane ha certamente comunicato un’immagine composita, frizzante, in movimento, del nostro Paese, terra di genio, impegno, poesia, realismo, fantasia, colore locale, passione, calore e, nello stesso tempo, riservatezza e lirismo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
309 I N T R O D U Z I O N E • Motivazioni, considerazioni e pregiudizi americani sul Bel Paese L’intensità e la peculiarità del legame tra due Paesi non si può definire esclusivamente in base alla conoscenza dei loro sistemi politico-economici. Fra gli uomini e le società di quei Paesi si vengono a creare relazioni civili e culturali che, attraverso l’intreccio delle esperienze letterarie (giornali, libri, riviste...) e delle mode (cinema, musica, arte...), permettono di scoprire le reciproche influenze sulle rispettive identità nazionali. Si tratta, dunque, di una serie di piccole conoscenze, non solo politiche o economiche, ma anche culturali, da tenere sempre aggiornate. Il lavoro che presento in queste pagine è nato dal desiderio di indagare la natura delle relazioni italoamericane da un punto di vista culturale, letterario in particolare, abbandonando ogni tipo di ricerca economica e politica, pur tenendo ben presente come ognuno di questi aspetti sia un tassello fondamentale per poter completare un mosaico tanto complesso e articolato. Per avere un quadro che fosse il più completo possibile, pur nella parzialità delle informazioni dovuta alla consultazione di un’unica fonte e alla incompletezza necessariamente derivata da interventi critici che non sono sempre tali, ho preso in considerazione un periodo piuttosto ampio, che comprende quarant’anni di recensioni sulla letteratura italiana, pubblicate fra il 1947 e il 1987 sulle pagine di The New York Times Book Review, supplemento letterario domenicale di The New York Times.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

critica letteraria
immagine dell'italia
letteratura del novecento
letteratura italiana
scrittori italiani
the new york times book review

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi